La comunità romena di Viterbo si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono a Viterbo e per tutti i viterbesi e gli stranieri della Provincia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e sentirsi partecipi alla vita della città.

Bun gasit pe site!

Benvenuto!

venerdì 30 novembre 2007

Parlamentul a aprobat Carta Drepturilor Fundamentale a Uniunii


Jo Leinen: "Drepturile omului reprezinta sufletul identitatii europene"
Publicat: 30 Noiembrie 2007

Parlamentul a aprobat, joi, la Bruxelles, Carta Drepturilor Fundamentale a Uniunii, care urmeaza sa fie proclamata solemn la 12 decembrie, in cadrul sesiunii in plen de la Strasbourg, cu o zi inainte de semnarea Tratatului de la Lisabona. Cum va influenta Carta vietile cetatenilor europeni? Cu ce se diferentiaza de Conventia deja existenta pentru Drepturile Omului? La aceste intrebari raspunde deputatul Jo Leinen (Grupul Socialistilor Europeni).


Carta Drepturilor Fundamentale (CDF) cuprinde toate drepturile civile, politice, economice si sociale ale cetatenilor europeni. Ea este impartita in sase capitole: Demnitate, libertate, Solidaritate, Egalitate, Cetatenie si Justitie.

Primele proceduri pentru protectia drepturilor fundamentale au fost incluse in Tratatul de la Amsterdam la 1 mai 1999, iar Carta Drepturilor Fundamentale duce mai departe aceasta abordare.

1. Carta Drepturilor Fundamentale a fost semnata la Nisa, la 7 decembrie 2000. Ea va fi acum proclamata Parlamentului European la 12 decembrie, la Strasbourg. Ce s-a schimbat? De ce aceasta noua proclamare sapte ani mai tarziu?

Carta reprezinta o parte din noul Tratat de la Lisabona si va deveni obligatorie pentru institutiile europene. Este pentru prima data cand cetatenii europeni isi vor putea cere drepturile in fata Curtii Europene pentru Justitie de la Luxembourg. Cand Tratatul va fi semnat la 13 decembrie, cele 50 de drepturi si libertati vor deveni parte din cadrul legal al UE.

2. Odata cu semnarea tratatului, CDF va deveni obligatorie. Asta inseamna ca daca un stat membru violeaza unul dintre drepturi, va fi adus in fata Curtii Europene de Justitie la Luxembourg?

Carta se aplica doar pentru actele si legislatia Uniunii Europene, fie ca sunt implementate direct de Comisie sau indirect de statele membre sau autoritatile locale. Ea nu se aplica strict activitatilor nationale, acestea fiind incluse in actele pentru drepturile fundamentale ale constitutiilor nationale.

3. In ce masura se va relationa Carta la Conventia Europeana pentru Drepturile Omului? Unde va trebui sa se adreseze un cetatean caruia i-au fost incalcate drepturile, la Curtea Europeana pentru Drepturile Omului din Strasbourg sau la Curtea Europeana de Justitie din Luxembourg?

Carta Drepturilor Fundamentale a Uniunii Europene din 2007 este mult mai vasta si mai moderna decat decat Declaratia pentru Drepturilor Omului din 1951 a Consiliului. In Carta Uniunii Europene exista drepturi moderne precum dreptul la protectia consumatorului, dreptul la o buna administratie publica,dreptul la protectia datelor sau interzicerea clonarii fiintelor umane. Suntem norocosi deoarece cetatenii europeni se bucura de un sistem dublu, astfel ca nu exista nici o lipsa in privinta protectiei drepturilor omului. Pe de-o parte avem Carta Drepturilor Fundamentale a Uniunii Europene, iar pe de alta parte Conventia pentru Drepturile Omului ce apartine Consiliului. Cred ca este un sistem unic in lume.

4. Ce parere aveti despre Carta?

In urma celui de-al doilea razboi mondial au murit aproximativ 50 de milioane de oameni si au fost incalcate numeroase drepturi din cauza nazismului, iar pe urma a comunismului. Consider ca protectia drepturilor omului reprezinta sufletul Europei si a identitatii europene. Nu in ultimul rand, Carta joaca un rol important in unificarea europeana, intrucat arata ca UE isi protejeaza cetatenii si nu este doar o piata mare. Este o expresie a Europei cetatenilor si nu a Europei statelor.

5. Care este pasul urmator?

Acesta este pasul final. Este ceea ce am asteptat de 50 de ani. Parlamentul a aprobat, joi, la Bruxelles, Carta Drepturilor Fundamentale a Uniunii, care urmeaza sa fie proclamata solemn la 12 decembrie, in cadrul sesiunii in plen de la Strasbourg, cu o zi inainte de semnarea Tratatului de la Lisabona.

La ceremonia speciala de la 12 decembrie vor participa José Sócrates, reprezentant al Presedintiei Consiliului, Hans-Gert Pöttering, Presedintele Parlamentului European, si José Manuel Strict Barroso, Presedintele Comisiei Europene.

Sursa: Parlamentul European.

Romania, bordate al governo italiano


27/11/2007 (19:10)
Romania, bordate al governo italiano
Il presidente Basescu vede Zapatero: «Grazie a Dio non siete come l'Italia»

ROMA
Bordate al governo dal presidente romeno. Venti giorni dopo la morte di Giovanna Reggiani, lo sfogo pubblico di Veltroni e il varo del decreto sicurezza, Basescu fa riesplodere la polemica. Intervenuto al Foro Nuova Economia, prima di incontrarsi con Zapatero, il leader romeno ha elogiato le politiche spagnole. «Grazie a Dio voi non siete diventati come l’Italia», ha sbottato. La Romania, ha specificato Basescu, accetterà di imporre restrizioni ai propri cittadini solo in presenza di una sentenza della magistratura perchè il suo Paese «non può trasformarsi in un carcere». Criticando la decisione del governo italiano di espellere cittadini romeni «per motivi di sicurezza» dopo l’uccisione di Giovanna Reggiani, il presidente romeno ha chiesto a Zapatero di togliere la moratoria imposta sulla libera circolazione dei lavoratori romeni. Il presidente, in visita ufficiale in Spagna, ha avvertito che il mantenimento della moratoria di due anni potrebbe avere l’effetto di «una bomba a orologeria» incrementando l’economia sommersa e provocando «violenza e tensione etnica».
Fonte: La Stampa.

mercoledì 28 novembre 2007

Benedetto XVI sui giovani immigrati

Benedetto XVI sui giovani immigrati "Puntare su famiglia e scuola"
Il messaggio per la giornata del migrante 2008. "Siate rispettosi delle leggi e non lasciatevi mai trasportare dall'odio e dalla violenza"

CITTÀ DEL VATICANO- Si concentra sulle nuove generazioni il messaggio di papa Ratzinger per la giornata del migrante 2008 pubblicato oggi dalla Santa sede. I giovani immigrati, scrive Benedetto XVI, vivono le "difficoltà della duplice appartenenza: da un lato, essi sentono vivamente il bisogno di non perdere la cultura d'origine, mentre, dall'altro, emerge in loro il comprensibile desiderio di inserirsi organicamente nella società che li accoglie". Secondo il Papa, bisogna allora concentrarsi sulla famiglia, dove si scontrano "genitori rimasti ancorati alla loro cultura e figli velocemente acculturati nei nuovi contesti sociali" e sulla scuola, che dovrebbe "prevedere per i ragazzi immigrati specifici itinerari formativi d'integrazione" e "creare nelle aule un clima di reciproco rispetto e dialogo tra tutti gli allievi, sulla base di quei principi e valori universali che sono comuni a tutte le culture. "L'impegno di tutti docenti, famiglie e studenti contribuirà certamente ad aiutare i giovani migranti ad affrontare nel modo migliore la sfida dell'integrazione". Benedetto XVI si sofferma anche sulla condizione dei ragazzi stranieri che hanno lasciato i loro paesi per andare a studiare all'estero e per questo "si sentono spesso soli, sotto la pressione dello studio e talvolta stretti anche da difficoltà economiche". "Occorre far sì che abbiano modo di aprirsi al dinamismo dell'interculturalità, arricchendosi nel contatto con altri studenti di culture e religioni diverse". "Cari giovani migranti, - conclude Benedetto XVI - preparatevi a costruire accanto ai vostri giovani coetanei una società più giusta e fraterna, adempiendo con scrupolo e serietà i vostri doveri nei confronti delle vostre famiglie e dello Stato. Siate rispettosi delle leggi e non lasciatevi mai trasportare dall'odio e dalla violenza. Cercate piuttosto di essere protagonisti sin da ora di un mondo dove regni la comprensione e la solidarietà, la giustizia e la pace".
(28 novembre 2007)
EP
Stranieri in Italia

Ambasada şi consulatele din Italia oferă asistenţă juridică românilor cu decizii de expulzare

Ambasada României la Roma, precum şi consulatele de la Milano şi Torino, oferă, începând de marţi, asistenţă juridică cetăţenilor români care fac obiectul unei "decizii de îndepărtare" emise de autorităţile italiene în baza Decretului privind expulzările.

"Ministerul Afacerilor Externe precizează că, începând cu 27 noiembrie 2007, cetăţenii români care fac obiectul unei decizii de îndepărtare emise de autorităţile italiene în baza Decretului lege nr. 181/2007 pot să depună la sediul Ambasadei României la Roma sau la Consulatele Generale ale României de la Milano şi Torino, în termenul legal de 20 de zile, documentele aferente îndepărtării de pe teritoriul italian", precizează MAE într-un comunicat remis agenţiei MEDIAFAX.

Asistenţa juridică va fi asigurată gratuit de o firmă de avocatură italiană, selectată de Ministerul român al Justiţiei.

"Asistenţa vizează numai contestaţiile la adresa deciziilor de îndepărtare emise în baza actului normativ italian menţionat şi nu alte litigii pe care cetăţenii români le au cu entităţi publice sau private de pe teritoriul italian", precizează MAE, adăugând că derularea acestui proiect face parte din ansamblul de măsuri pe care Guvernul de la Bucureşti le are în vedere în sprijinul cetăţenilor români aflaţi în dificultate în Italia.
BUCUREŞTI / 28.11.2007
Mediafax

Românii din străinătate vor trimite acasă un miliard de euro


Decembrie
Românii din străinătate vor trimite acasă un miliard de euro
de Lucian HAINĂROŞIE 28 NOIEMBRIE 2007

Banca Naţională se aşteaptă ca la sfârşitul acestui an să intre în ţară aproximativ un milliard de euro de la românii care lucrează în străinătate. Potrivit lui Adrian Vasilescu, consilierul guvernatorului Băncii Centrale, cantităţile mai mari de valută de pe piaţă ar putea fi de bun augur pentru cursul de schimb, dar trebuie avut în vedere şi faptul că cererea de monedă europeană este în creştere. „Cred că banii proveniţi de la românii din străinătate se vor înmulţi şi acum, în perioada sărbătorilor de iarnă. Dacă va intra un miliard de euro, va fi bine. Dacă oferta de valută va fi mai mare şi va fi înmulţită de banii din afară, va fi bine şi pentru cursul de schimb. Pe de altă parte, şi cererea de valută este în creştere şi trebuie să vedem cum se vor echilibra”, a precizat Vasilescu, citat de Mediafax.
Consilierul lui Mugur Isărescu a confirmat estimările potrivit cărora sumele totale trimise în ţară de românii care lucrează peste hotare se apropie de 5 miliarde de euro, ceea ce va contribui pozitiv la contul current. Totodată, Adrian Vasilescu a vorbit şi despre pericolele sesizate de Comisia Europeană cu privire la sumele mari de bani pe care populaţia şi companiile româneşti le împrumută din bănci. Oficialul BNR susţine că la originea avertismentelor periodice pe care instituţia europeană le trimite României se află criza creditelor izbucnită vara aceasta în Statele Unite.
Sursa: Gandul.

Rezultate finale la referendum


Prezenţă - 26,51%, din care 81,36% au votat "DA", 16,17% - "NU"

Prezenţa la urne potrivit rezultatelor finale, centralizate la nivelul secţiilor de votare din toată ţara, a fost, la referendum, de 26,51%, din care 81,36% au votat "DA", 16,17% au votat "NU", iar 2,46% din voturi au fost nule, conform anuţului făcut, miercuri, de BEC.

Din centralizarea datelor înscrise în procesele verbale primite şi validate de la toate secţiile de votare, reiese că la referendum au participat 4.851.470 persoane, din care 3.947.212 au votat “pentru” votul uninominal, iar 784.640 au votat “împotrivă” şi s-au înregistrat 119.618 de voturi nule.

Structura numărului de participanţi la referendum, conform listelor electorale existente în circumscripţiile electorale, este următoarea: numărul persoanelor înscrise în listele pentru referendum - 18.296.459; numărul persoanelor înscrise în copia de pe lista electorală permanentă - 18.222.176; numărul persoanelor înscrise în lista electorală specială - 74.283; numărul participanţilor la vot - 4.851.470; numărul persoanelor care s-au prezentat la urne, înscrise în copia de pe lista electorală permanentă - 4.306.757; numărul persoanelor care s-au prezentat la urne, înscrise în copia de pe lista electorală specială - 73.686; numărul persoanelor care s-au prezentat la urne, înscrise în copia de pe lista electorală suplimentară - 471.027.

Procesul-verbal cu datele finale validate de BEC pentru referendum va fi transmis, în cursul zilei de miercuri, Curţii Constituţionale.

Potrivit prevederilor legale, Curtea Constituţională prezintă Parlamentului un raport cu privire la respectarea procedurii privind organizarea şi desfăşurarea referendumului naţional şi confirmă rezultatele acestuia.
BUCUREŞTI / 12:41, 28.11.2007

Mediafax

lunedì 26 novembre 2007

E' ufficiale: a Viterbo ci sarà l'aeroporto


E ADESSO VITERBO FA RIMA CON AEROPORTO

"La decisione del ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, è di straordinaria importanza. La scelta di collocare a Viterbo il terzo aeroporto regionale ha un valore storico. Storico per i nostri territori che non dovranno confrontarsi più con occasioni mancate e incompiute pluridecennali. Non siamo affatto condannati alla marginalità a patto che per le cose importanti siamo capaci di unire le forze, che non sono poche né di secondo piano". Così il presidente della Provincia, Alessandro Mazzoli, commenta l'ufficializzazione della scelta di Viterbo come sede del terzo scalo aeroportuale del Lazio.

"Viterbo come scalo aeroportuale significa la possibilità concreta di programmare una nuova fase di crescita e di sviluppo. E' una scelta storica anche per il Lazio, perché di fronte a un problema oggettivo che si è presentato per la sede di Ciampino si è cercata una soluzione che potesse coinvolgere il territorio regionale e trasformare quel problema in opportunità per lo sviluppo del Lazio".

"Ciò è stato possibile perché sia il sindaco di Roma, Walter Veltroni, sia il presidente della Regione, Piero Marrazzo, hanno promosso un vero confronto di merito con i territori del Lazio nella ricerca della soluzione più adeguata e credibile. Dalla prima convocazione del marzo scorso sono trascorsi sette mesi nei quali il lavoro del ministero è stato di grande serietà e di grande disponibilità all'ascolto e al confronto".

"Abbiamo avuto dalla nostra la forza degli elementi tecnici ma anche la forza di una compattezza politico-istituzionale capace di rappresentare la domanda di innovazione e cambiamento che è venuta dalla società viterbese. Questo elemento rappresenta persino un dato nuovo per un territorio che è sempre stato rappresentato come statico, sonnolento e conservatore. Oggi abbiamo colto un risultato importantissimo ma la sfida è ancora aperta perché d'ora in avanti la posta in gioco è quanto e come facciamo contare il territorio nell'operazione di costruzione e di realizzazione dell'aeroporto. Di qui passa la differenza tra una nuova servitù e una nuova grande opportunità".
(lunedì 26 novembre 2007)
testo Ufficio stampa - trattamento digitale Carlo Maria Ponzi
Fonte: Provincia di Viterbo.

UE: Qualifiche e titoli di studio


Qualifiche e titoli di studio
Istituzione di un Quadro europeo delle Qualifiche

Il Commissario europeo Ján Figel', incaricato dell'istruzione, della formazione, della cultura e della gioventù, ha dato oggi l'avvio al Quadro europeo delle qualifiche e dei titoli per l'apprendimento permanente, in occasione di una vasta conferenza sull'insegnamento organizzata a Lisbona. Ne ha spiegato l'importanza: "I cittadini europei incontrano troppi ostacoli quando vogliono trasferirsi in un altro paese per motivi di studio o di lavoro. A volte incontrano difficoltà persino nel passare da un settore all'altro del loro sistema nazionale d'insegnamento, ad esempio dalla formazione professionale all'insegnamento superiore. Il Quadro renderà più comprensibili i certificati e i titoli di studio rilasciati nei vari paesi europei e favorirà la mobilità, per motivi di studio o lavoro."
Il quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli (European Qualifications Framework -EQF ) è una tabella che consente il raffronto e la corrispondenza delle qualifiche e dei titoli di studio esistenti in Europa. Il Quadro persegue un doppio obiettivo: promuovere la mobilità tra i paesi e facilitare l'apprendimento permanente nel corso della vita. In un'Europa tesa a diventare un'economia moderna fondata sulla conoscenza, questi due aspetti sono indispensabili per la crescita e il miglioramento qualitativo e quantitativo dell'occupazione.
L'EQF è articolato su otto livelli di riferimento che vanno da un livello di base a un livello avanzato. I livelli descrivono le conoscenze e le abilità acquisite da chi apprende, indipendentemente dal sistema nel quale avviene la certificazione.
L'EQF mette di conseguenza l'accento non tanto sui criteri (durata della formazione o tipo di istituzione scolastica) bensì sui risultati acquisiti con l'apprendimento. Tale riorientamento comporta numerosi vantaggi:
- permette una migliore correlazione tra offerte d'insegnamento e di formazione e il fabbisogno del mercato dell'occupazione (in termini di conoscenze, abilità e competenze);
- facilita la convalida dei risultati dell'apprendimento non formale e informale; e
- semplifica il trasferimento e l'utilizzo dei titoli di studio tra paesi e sistemi d'istruzione e di formazione diversi.
Strumento di promozione dell'apprendimento continuo nel corso della vita, l'EQF include l'istruzione generale, l'insegnamento agli adulti, la formazione e l'addestramento professionale nonché l'insegnamento superiore. Gli otto livelli coprono la gamma dei certificati e titoli di studio rilasciati al termine dell'insegnamento obbligatorio fino ai livelli più elevati della formazione universitaria e professionale.
La raccomandazione della Commissione prevede che gli Stati membri stabiliscano la corrispondenza tra i loro sistemi nazionali di qualifiche e titoli di studio e l'EQF entro il 2010 e dispone che, entro il 2012, i titoli o diplomi nazionali dovranno menzionare il corrispondente riferimento EQF.
L'EQF influisce già in numerosi Stati membri sull'elaborazione de quadri nazionali di qualifiche e titoli, che spesso rientrano in un processo più ampio di riforma del sistema scolastico nazionale. La Commissione sostiene la redazione dei Quadri nazionali anche cofinanziando progetti nei quali partecipano gruppi di paesi e settori che verificano l'attuazione pratica dell'EQF.
I cittadini e le imprese potranno pertanto utilizzare il Quadro come un punto di riferimento per comparare i livelli delle qualifiche e dei titoli di studio rilasciati da paesi e sistemi d'istruzione e di formazione diversi.Il Parlamento europeo ha approvato la proposta della Commissione il 24 ottobre apportandovi alcune modifiche. Il Consiglio ha successivamente raggiunto un accordo politico il 15 novembre. L'adozione formale dell'EQF è pertanto prevista per i primi mesi del 2008.
La conferenza dedicata alla "valorizzazione dell'apprendimento: le esperienze europee nella convalida dell'apprendimento non formale e informale", organizzata dalla presidenza portoghese dell'UE a Lisbona il 26 e il 27 novembre 2007, ha rappresentato l'occasione ideale per annunciare l'accordo politico raggiunto sull'EQF e incoraggiare gli Stati membri ad avviare l'attuazione dell'EQF.
26 novembre 2007
Fonte: Commissione europea - Rappresentanza in Italia.

O femeie din trei - victima violenţei partenerului de viaţă

ONU Combaterea violenţei împotriva femeilor

O femeie din trei - victima violenţei partenerului de viaţă
de Dorina Enciu 26 NOIEMBRIE 2007

La nivel mondial, o femeie din trei este victima violenţei care îmbracă forme diferite, de la hărţuire sexuală la violuri, de la avortarea fetuşilor feminini, la mutilarea genitală, se arată pe site-ul Fondului ONU pentru Populaţie (UNFPA), cu ocazia Zilei internaţionale pentru eliminarea violenţei împotriva femeilor, sărbătorită pe 25 noiembrie. „Recunoaştem meritul guvernelor şi parlamentelor care au legiferat acest domeniu.

În prezent există 89 de state care au o formă de prevedere legală privind în special violenţa în familie, iar violul marital poate fi pedepsit în 104 state; 90 de ţări au o formă de prevedere legislativă împotriva hărţuirii sexuale iar 93 au legi împotriva traficului de fiinţe umane”, a declarat Thoraya Ahmed Obaid, director executiv al UNFPA. România se află printre statele care condamnă toate aceste abuzuri dar violenţa în familie rămâne o problemă de amploare naţională.

Conform studiului Sănătatea Reproducerii, o femeie din trei a fost victima violenţei verbale sau fizice a partenerului de viaţă iar anul trecut 151 de persoane şi-au pierdut viaţa ca urmare a actelor de violenţă în familie.

Sursa: Gandul.

Elezioni europee, in Italia al voto solo 2000 romeni

Elezioni europee, in Italia al voto solo 2000 romeni
Scarsa affluenza alle urne in Romania per le prime elezioni europee dopo l'ingresso del Paese nell'Ue. Ai seggi si è presentato meno del 30% degli aventi diritti. Molto bassa l'affluenza anche in Italia, dove solo in 2000 si sono recati nelle 10 sedi consolari e di associazioni aperte. Con il 75% delle schede scrutinate, la vittoria è andata al Partito democratico
di Gabriela Pentelescu

“Per la diaspora romena che doveva votare all'estero abbiamo registrato soltanto un spreco di carta!”. Così descrive la televisione Antena 3 la bassa affluenza ai 180 seggi aperti per permettere ai romeni all'estero di votare per le prime elezioni europee, dopo l'ingresso nell'Ue il primo gennaio scorso. Nella stessa giornata di domenica si poteva votare per il referendum sull'introduzione del voto uninominale. In Italia hanno votato circa 2mila persone, anche se per loro sono state mandate 30mila schede elettorali, una cifra altamente inferiore a quella registrata all'ultimo referendum organizzato in Romania lo scorso 19 maggio, quando in Italia votarono 9.943 cittadini romeni su un totale di 75mila elettori residenti all'estero. Il ministero romeno degli Affari esteri ha aperto in Italia nove sezioni di voto più un'altra a San Marino. Ai due seggi di Roma il numero totale degli elettori non ha superato le 500 presenze. Alla vigilia delle elezioni, l'Associazione dei romeni in Italia ha denunciato la carente informazione che romeni hanno ricevuto in campania elettorale, sottolineando che in Italia non esistono le condizioni per un'equa partecipazione al voto. In un comunicato stampa firmato dal presidente dell'associazione Eugen Terteleac, la classe politica romena è accusata di non essersi preoccupata dei romeni che vivono all'estero, e di non averli informati sull'importanza del voto alle elezioni europee o sulla necessità del voto uninominale. Il voto ha comunque premiato l'opposizione. Anche i risultati ufficiali parziali, dopo lo spoglio di circa il 75% delle schede, confermano la vittoria del Partito democratico vicino al capo dello stato Traian Basescu, con il 29,23%. I democratici dovrebbero mandare a Strasburgo, nel gruppo dei Popolari europei, 14 eurodeputati. Il Partito socialdemocratico (anch'esso all'opposizione, gruppo dei socialisti europei), con il 21,65% avrebbe otto seggi al Parlamento europeo, mentre i liberali del premier Calin Popescu Tariceanu (gruppo Alde al Parlamento europeo) hanno ottenuto il 13,15% e non il 15,6% come indicavano anche gli exit poll. L'Unione democratica dei magiari di Romania (Ppe), al governo di minoranza insieme ai liberali, ha il 5,84%, mentre il Partito liberale-democratico, formato dai liberali staccatisi dal partito del premier, perché sostengono il presidente Traian Basescu, sono indicati all' 8,3%.È importante sottolineare che anche in Romania le votazioni di ieri sono state caratterizzate da un forte assenteismo. Il referendum, voluto fortemente del presidente Traian Basescu, si è rivelato un fallimento, un fiasco che è costato allo stato 13,5 milioni di euro. Per l'agenzia di stampa Mediafax, al referendum si sono presentati 5 milioni sui 18 milioni di elettori (il 26,04%), un numero che riflette l'insofferenza dei romeni verso la classe politica. Alle ultime elezioni per il Parlamento europeo organizzate a giugno 2004 la presenza al voto degli elettori dei 25 paesi Ue ha oscillato tra l'apatia e la partecipazione massiccia. Ci sono stati paesi con un'alta affluenza come il Belgio con il 90,8% oppure il Lussemburgo con il 90%, mentre i nuovi arrivati in Ue, (come Slovachia e Polonia, rispettivamente con il 16% e il 20,8%), hanno dimostrato dissinteresse verso il Parlamento europeo. In Italia, nel giugno del 2004, il 73,1% degli elettori ha partecipato alle elezioni europee.
(26 November 2007)
Fonte: Metropoli - La Repubblica.

Am oprit exportul de Catavenci!

Romanii au taxat, la vot, partidele a trei lideri care practica o politica „mitica”, demna de personajele lui Caragiale: Gigi Becali, C.V. Tudor si Dan Voiculescu. Voturile romanilor au consfintit consolidarea unui trio dominant al scenei politice: PD-PSD-PNL.

Alegerile europarlamentare de ieri au avut un efect de tsunami politic! Cele trei partide au atras aproape 70% din optiunile alegatorilor.

Surpriza zilei a fost oferita de PLD. Infiintat anul trecut, partidul lui Theodor Stolojan a reusit sa depaseasca pragul de 5% la primul test electoral.

Spectaculos este si scorul, insumat, inregistrat de partidele desprinse din fosta Alianta D.A. Impreuna, PD, PNL si PLD totalizeaza 54% din voturi, aproape dublu fata de procentul obtinut in 2004!

UDMR si-a confirmat procentul traditional (in jur de 6%), dar si independentul Laszlo Tökes, rivalul maghiar al UDMR, a reusit sa intre in Parlamentul European (trecand pragul de 2,5%)!

Marile perdante sunt PRM (Corneliu Vadim Tudor) si PC (Dan Voiculescu), dar si PNG (partidul lui Gigi Becali). Votandu-i mult sub asteptarile lor, romanii le-au taxat „miticismul” caricatural, tipic personajelor lui Caragiale. Vadim, Voiculescu si Becali au in comun nationalismul, autocratia si demagogia.

Cei 35 de europarlamentari romani vor avea un mandat scurt, pana in 2009, cand se vor desfasura noi alegeri pentru Parlamentul de la Strasbourg.

Referendum nevalidat. Prezenta scazuta, de 24,8%, la referendumul pentru votul uninominal initiat de presedintele Traian Basescu nu-i da nicio sansa sa fie validat. Dintre cei care au votat, majoritatea zdrobitoare (89,25) s-a pronuntat in favoarea formulei propuse de Basescu.

Ultima ora. Presedintele PRM, C.V. Tudor, a anuntat aseara ca va demisiona din Parlamentul Romaniei. El i-a somat pe toti senatorii si deputatii PRM sa procedeze la fel. In caz contrar, a spus ca-i va exclude din partid.

Partidul Democrat a iesit pe primul loc cu peste 30%, care inseamna insa mai putin decat era creditat de sondajele dinaintea alegerilor. Castigatorul primelor alegeri pentru Parlamentul European este, dupa rezultatele exit-pollurilor, PD. Marele perdant al acestui scrutin pare sa fie PNG-ul lui Gigi Becali, prabusit sub pragul electoral, in ciuda cotei ridicate de incredere din ultimii ani. Estimarile facute aseara de institutul CSOP pentru Realitatea TV indicau 31,5% pentru PD, 21,1% pentru PSD si 15,6% pentru PNL.

Potrivit aceluiasi exit-poll, ar mai intra in parlament PLD cu 6,9%, UDMR cu 6,2% si Laszlo Tokes cu 3,7%, ca independent. In schimb, raman pe dinafara PNG cu 4,6%, PRM cu 3,4%, PC cu 2,4%, PIN cu 1,6%, PNTCD cu 1,5%, Partida Romilor cu 0,9%, Partidul Verde cu 0,3% si PAS cu 0,2%.

Scoruri apropiate arata si numaratoarea la iesirea de la urne facuta de CCSB la comanda Antenei 3: PD - 32,7% , PSD - 21,4% , PNL-14,6%, PLD - 6,6%, UDMR - 6,3% , PC - 4,2%, PNG - 4,2%, PRM - 3,6%, PIN - 1,4%, PNTCD - 0,9%, Partida Romilor - 0,6%, Partidul Verde - 0,1% si PAS - 0,1%, iar Laszlo Tokes - 3,3%. Un alt exit-poll a fost comandat de Ambasada Statelor Unite la Bucuresti, insa estimarile nu au fost facute publice.

Prezenta la vot era insa, la ora 19.00, de circa 27,2%, sub media europeana de 35%, ceea ce inseamna aproximativ 5 milioane de alegatori.

Majoritate covarsitoare in favoarea uninominalului

Prezenta extrem de scazuta la referendumul pentru introducerea votului uninominal initiat de presedintele Traian Basescu, de 24,8%, la ora 18.30, nu-i da acestuia nicio sansa sa fie validat. Astfel, varianta introducerii votului uninominal in doua tururi de scrutin incepand cu urmatoarele alegeri nu poate fi impusa parlamentarilor, ci doar, cel mult, negociata intre partide, pe baza numarului de voturi valabile exprimate ieri.

Din cei 4,5 milioane de alegatori care s-au pronuntat la referendum, 89,2% au agreat formula propusa de Basescu, in timp ce 10,8% si-au exprimat dezacordul. Numarul sustinatorilor presedintelui a fost insa mai mic decat la referendumul din mai pentru demiterea sa, cand a primit mai bine de sase milioane de voturi, si chiar decat la alegerile din 2004, cand a convins cinci milioane de alegatori.

Prevazator, Basescu a sustinut insa in mod repetat ca o eventuala invalidare a referendumului nu poate fi considerata un esec personal.


MOBILIZARE

Prezenta in mediul rural a fost cu 10% mai mare decat in cel urban

Prezenta scazuta la europarlamentare, cu putin mai mare decat la referendumul pentru votul uninominal, a demonstrat incapacitatea politicienilor de a-si mobiliza electoratul. Daca la ora 17.00, la alegerile generale din 2004, se prezentau la vot peste 43,76% dintre cetateni, la europarlamentare scorul de 27,29% abia a fost atins la ora 19.00.

Consecvent cu alegerile anterioare, electoratul din mediul rural s-a prezentat la urne intr-o proportie mai mare decat cel urban. Se pare ca orasenii n-au fost motivati de actiunile electorale, afisele si pliantele distribuite pe strada de politicieni. La ora 16.00 aveau o prezenta cu 8% mai mica.

Aceeasi tendinta a fost inregistrata si la referendum. Pana la ora 14.00, s-au prezentat jumatate (10%) din cei de la oras care au votat la referendumul din 19 mai (20%). Cu patru ore mai tarziu diferenta dintre rural si urban se ridica la 10%. Era de asteptat insa o prezenta sub 50% pentru uninominal, in conditia in care la referendumul pentru demiterea presedintelui au participat 44,45% dintre alegatori.

In privinta europarlamentarelor, au fost avantajati de prezenta scazuta UDMR si episcopul reformat Laszlo Tokes. Pentru acestia, maghiarii s-au mobilizat intr-un numar mult mai mare, crescandu-le astfel procentele prin numarul de voturi exprimate, raportate la numarul total. In topul celor mai scazute prezente la euroalegeri in noile state membre UE, Romania se afla pe locul 4, dupa Estonia, care obtinea 26,8%. (Andi Manciu)


Evz.ro

Romania: Europee, risultati parziali confermano vittoria Pd

(ANSA) - BUCAREST, 26 NOV - I risultati ufficiali parziali resi pubblici in mattinata, dopo lo spoglio di circa il 75% delle schede confermano la vittoria del Partito democratico (all'opposizione, vicino al capo dello stato Traian Basescu), con il 29,23%, alle prime elezioni europee convocate in Romania dopo l'ingresso nell'Ue il 1 gennaio scorso, con un'affluenza del 28,38%. I democratici dovrebbero mandare a Strasburgo, nel gruppo dei Popolari europei, 14 eurodeputati. Il Partito socialdemocratico (anch'esso all'opposizione, gruppo dei socialisti europei), con il 21,65% avrebbe otto seggi al Parlamento europeo, mentre i liberali del premier Calin Popescu Tariceanu (gruppo Alde al Parlamento europeo) hanno ottenuto il 13,15% e non il 15,6% come indicavano ieri sera gli exit poll. L'Unione democratica dei magiari di Romania (Ppe), al governo di minoranza insieme ai liberali, ha il 5,84%, mentre il Partito liberale-democratico, formato dai liberali staccatisi dal partito del premier, perche' sostengono il presidente Traian Basescu, sono indicati all' 8,3%. L'unico candidato indipendente, il vescovo riformato ungherese Laszlo Tokes, e altri otto partiti, tra cui quello di estrema destra Grande Romania e il partito dei rom Pro Europa non hanno raggiunto la soglia di sbarramento del 5% e, dunque, non avranno nessun seggio di eurodeputato. Il leader di Grande Romania, Corneliu Vadim Tudor, ha annunciato ieri sera che si dimetterà dal Parlamento di Bucarest, dove il partito ha il 13,63% dei seggi.
Ansa

Romania: Nuovo capo servizi di intteligence per l'estero

NOMINA UNGUREANU DOVRA' ESSERE CONFERMATA DAL PARLAMENTO


Bucarest, 26 nov. (Adnkronos/Dpa) - Il presidente rumeno, Traian Basescu, ha proposto oggi l'ex ministro degli Esteri Mihai Razvan Ungureanu per l'incarico di capo dei servizi di intelligence per l'estero, SIE. Trentanove anni, storico, Ungureanu sa gia' di poter contare sull'appoggio in parlamento di tre partiti.

Adnkronos / Dpa

sabato 24 novembre 2007

25 noiembrie - alegeri pentru Parlamentul European şi referendum privind introducerea votului uninominal

25 noiembrie - alegeri pentru Parlamentul European şi referendum privind introducerea votului uninominal
-->
Bucureşti, 24 nov /Ministerul Afacerilor Externe/ - La data de 25 noiembrie 2007 vor avea loc alegerile pentru Parlamentul European, precum şi referendumul pentru introducerea votului uninominal.
Lista secţiilor de votare din străinătate organizate de Ministerul Afacerilor Externe poate fi găsită pe site-ul MAE, în cadrul secţiunii speciale dedicate alegerilor pentru Parlamentul European şi referendumului privind votul uninominal. Reamintim că secţiile de vot pentru referendum au indicativul R.V.U.
Au fost transmise misiunilor diplomatice ale României în străinătate, peste 600.000 de buletine de vot. Repartizarea buletinelor de vot pe secţii de votare este şi ea postată pe site-ul MAE, la secţiunea dedicată alegerilor şi referendumului, secţii de votare.
Procedura de vot:
A. În ceea ce priveşte alegerea membrilor din România în Parlamentul European:
1) cetăţenii români aflaţi în străinătate, cu domiciliul în România pot vota pe baza următoarelor acte de identitate:
paşaport diplomatic
paşaport de serviciu
paşaport simplu
paşaport temporar
titlu de călătorie
carte de identitate
2) Cetăţenii români cu domiciliul sau reşedinţa în străinătate pot vota numai pe baza paşaportului simplu.
Ambele categorii de cetăţeni români înainte de a-şi exercita dreptul de vot completează o declaraţie pe proprie răspundere în care declară că nu şi-au exercitat dreptul de vot şi nu îşi vor exercita dreptul de vot la o altă secţie de votare în data de 25 noiembrie a.c.
3) Alegătorii comunitari care au reşedinţa sau domiciliul în România îşi exercită dreptul de vot în baza oricărui document de identitate şi a dovezii eliberate de Autoritatea Electorală Permanentă.
B. În ceea ce priveşte referendumul naţional din data de 25 noiembrie 2007 privind introducerea votului uninominal pentru alegerea membrilor Parlamentului României procedura este următoarea:
1) Cetăţenii români aflaţi în străinătate, cu domiciliul în România pot vota pe baza următoarelor acte de identitate:
carte de identitate;
carte de identitate provizorie;
buletin de identitate;
paşaport diplomatic;
paşaport de serviciu;
paşaport consular;
paşaport simplu;
2) Cetăţenii români cu domiciliul în străinătate, indiferent de locul unde se află, îşi pot exercita dreptul de vot pe baza paşaportului simplu.
Ambele categorii de cetăţeni români înainte de a-şi exercita dreptul de vot completează o declaraţie pe proprie răspundere în care declară că nu şi-au exercitat dreptul de vot şi nu îşi vor exercita dreptul de vot la o altă secţie de votare în data de 25 noiembrie a.c.
După cum ştiţi, aspectul orarului de funcţionare al secţiilor de votare a fost reglementat prin intermediul OUG nr. 131/2007, fiind stabilit un orar unic de vot, respectiv intervalul orar 7.00 - 21.00.
Reiterăm recomandarea către cetăţenii români de peste hotare de a se prezenta la vot din timp, în intervalul orar legal stabilit, pentru a evita situaţii neplăcute de aglomerare la finalul termenului legal care permite exercitarea dreptului de vot.
La ora 21.00 preşedintele biroului electoral al secţiei de votare declară votarea încheiată şi dispune închiderea secţiei.
Persoanele existente la ora 21.00 în localul secţiei de votare li se permite să-şi exercite dreptul de vot.
De asemenea, facem un apel către cetăţenii români aflaţi peste hotare să îşi păstreze calmul şi să aibă încredere că toţi cei care se află în serviciul Ministerului Afacerilor Externe sunt pregătiţi şi doritori să asigure un proces electoral civilizat şi eficient. În acest sens MAE a acţionat şi va acţiona pentru a asigura pe cât posibil, cele mai bune condiţii pentru exercitarea dreptului de vot de către cetăţenii României.
Trebuie însă să ne ajutăm reciproc, prin asumarea responsabilităţii de către ambele părţi, instituţii de stat şi cetăţeni deopotrivă.
Ambasada Romaniei la Roma

Ce trebuie sa stiti daca mergeti la vot

Sambata, 24.11.2007 12:00
Informatii utile:

INTERVALUL ORAR. Sectiile de votare se vor deschide la ora 7.00 si se vor inchide la ora 21.00. Pentru cele din strainatate va fi luata in calcul ora locala a fiecarei tari.

SIGLA „RVU” PENTRU REFERENDUM. Sectiile pentru europarlamentare si cele pentru referendum sunt organizate in aceleasi locuri. Pentru a le putea distinge usor, cele pentru referendum vor purta inscriptia „RVU” (referendum vot uninominal).

SECTII IN STRAINATATE. Pentru romanii din afara granitelor au fost organizate 190 de sectii.

FARA URNE IN GARI. Duminica nu se va vota in gari si aerogari.

ACTE. Romanii isi vor putea exprima optiunea pe baza cartii de identitate, a cartii de identitate provizorii, a buletinului, a pasaportului diplomatic, pasaportului de serviciu sau a pasaportului turistic (daca se afla in strainatate).

SANCTIUNI. Votul multiplu se pedepseste cu inchisoarea de la 6 luni la 5 ani.

SE FAC CARTI DE IDENTITATE SI DUMINICA. Romanii cu drept de vot care nu au acte de identitate si le mai pot obtine astazi (intre orele 8.00 si 20.00) si maine (intre orele 7.00 si 21.00) de la birourile de Evidenta Persoanelor pe raza carora locuiesc.

LISTE SPECIALE PENTRU STRAINI. Cetatenii straini, din state membre ale UE, cu resedinta sau domiciliul in Romania, pot vota la europarlamentare pe liste speciale, intocmite la primarii.

URNE MOBILE. Persoanele imobilizate la pat sau familiile acestora pot cere urne mobile presedintilor sectiilor de votare pe raza carora locuiesc (ori presedintilor sectiilor de votare pe raza carora se afla unitatea medicala in care sunt internati).




Sursa:evz.ro

Banco alimentare: la colletta il 24 novembre


Banco alimentare: la colletta il 24 novembre
di Gabriella Meroni (g.meroni@vita.it)
22/11/2007

In oltre 6800 supermercati più di 100.000 volontari raccoglieranno cibo da donare ai poveri

Sabato 24 novembre si svolgerà in tutta Italia la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare organizzata dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus e dalla Federazione dell'Impresa Sociale Compagnia delle Opere. Sarà possibile in quell'occasione aiutare concretamente i poveri del nostro Paese che, secondo le ultime rilevazioni Istat (ottobre 2007), sono quasi il 13% della popolazione italiana. In oltre 6800 supermercati più di 100.000 volontari, tra i quali Marcello Lippi, Paolo Brosio e Giancarlo Fisichella, inviteranno le persone a donare alimenti non deperibili – preferibilmente olio, omogeneizzati ed alimenti per l'infanzia, tonno e carne in scatola, pelati e legumi in scatola - che saranno distribuiti a più di 1.360.000 indigenti attraverso gli oltre 8.100 enti convenzionati con la rete Banco Alimentare (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d'accoglienza, ecc.). In occasione della “Colletta Alimentare” del 2006 gli italiani hanno donato più di 8422 tonnellate di cibo per un valore economico superiore a 26.200.000 euro; l'obiettivo per l'undicesima edizione è di coinvolgere sempre più persone in questo gesto di gratuità incrementando così il quantitativo di alimenti raccolti.Partecipare a un gesto di carità cristiana come la colletta, così semplice e concreto, accessibile a tutti, svela la legge della vita che è amare, dono di sé. Se uno vede che quanto più ama, tanto più è se stesso e che in questo darsi non si perde, ma si guadagna, allora tutta la vita diventa desiderio di condividere il bisogno degli altri per condividere il senso della vita.A beneficiare della “Colletta” non sono esclusivamente i poveri ma anche i donatori che, attraverso un semplice gesto di carità, condividono i bisogni primari di chi è emarginato. La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare è resa possibile grazie alla collaborazione con l'Associazione Nazionale Alpini e la Società San Vincenzo De Paoli, e gode dell'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e del patrocinio del Segretariato Sociale della Rai. Si ringraziano: Intesa Sanpaolo, Fastweb, Aurora Assicurazioni, Arvedi, Comieco, Enel Cuore Onlus e Gruppo FNM SPA.
Per informazioni su quali punti vendita aderiscono all'iniziativa oppure su come dare la propria disponibilità per fare il volontario: tel. 02.67.100.410 oppure http://www.bancoalimentare.it/
Fonte: Vita.it

Micul Sorin l-a miscat pe presedintele Italiei

Micul Sorin l-a miscat pe presedintele Italiei
24 Noiembrie 2007
Un copil roman de 11 ani a reusit sa-si ajute familia ramasa fara adapost in Italia, scriindu-i chiar presedintelui acestei tari, Giorgio Napolitano.

Baiatul si parintii sai au locuit pentru o vreme intr-o baraca dintr-o tabara situata in zona Tor di Quinto (Roma), care a fost insa demolata de autoritatile locale. Cazul lui Sorin a fost prezentat pe larg de catre cotidianul „La Stampa”, iar apelul lui catre Napolitano, in care isi exprima regretul ca familia sa nu-si permite o locuinta, nu a ramas fara rezultate. Primaria Romei a decis ca familia de romani sa fie gazduita intr-un centru social.
Evenimentul Zilei Nr. 5002

La Chiesa ortodossa di Romania istituisce una diocesi in Italia.

23 novembre 2007
La Chiesa ortodossa di Romania istituisce una diocesi in Italia.
Una lettera del patriarcato rumeno ha annunciato l’iniziativa al Vescovo di Terni, Vincenzo Paglia, responsabile della CEI per il dialogo ecumenico. I cittadini stranieri di religione ortodossa sono quasi un milione, la maggior parte sono rumeni.

Il Patriarcato ortodosso di Romania ha istituito una diocesi in Italia. L’annuncio è stato dato da mons. Vincenzo Paglia, vescovo di Terni e presidente della Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo della CEI, che ha ricevuto dal Patriarcato rumeno una lettera in cui si annuncia l’iniziativa. “È una bella notizia”, ha commentato il vescovo Paglia, perché “è decisivo che una comunità possa esprimersi, organizzarsi ed essere sostenuta anche per quanto riguarda l’osservanza della vita religiosa. D’altronde, l’integrazione non può non coniugarsi anche con la dimensione religiosa delle persone”. Secondo il Dossier Statistico Immigrazione 2007 della Caritas, i credenti ortodossi presenti in Italia sono quasi un milione (918 mila), la maggior parte dei quali della Chiesa di Romania.(Al. Col.)
Fonte: ImmigrazioneOggi.

Românii se pot trata şi în străinătate pe banii Casei de Asigurări de Sănătate


Tratament cu ajutorul Formularului E 112
Românii se pot trata şi în străinătate pe banii Casei de Asigurări de Sănătate
de Liana SUBŢIRELU 24 NOIEMBRIE 2007

Persoanele asigurate sau coasigurate pot solicita tratament într-o clinică dintr-o ţară a Uniunii Europene(UE). Această posibilitate există de la începutul anului, de când şi România a intrat în UE. Dreptul la tratament în străinătate este dat de formularul E 112. Dr. Vasile Ciurchea, preşedintele Casei Naţionale de Asigurări de Sănătate (CNAS), ne-a declarat că existenţa acestui formular a fost adusă la cunoştinţa medicilor, care la rândul lor ar fi trebuit să înştiinţeze pacienţii care ar putea beneficia de respectivele reglementări. Formularul se emite „pentru lucrătorii şi membrii lor de familie care, după ce au dobândit dreptul la asigurarea de sănătate într-un stat membru UE, sunt autorizaţi de casa de asigurări de sănătate din acest stat să revină pe teritoriul statului membru UE în care îşi au reşedinţa sau să-şi transfere reşedinţa pe teritoriul unui alt stat membru”.
Asiguraţii sau coasiguraţii din România pot beneficia de tratament în clinicile UE doar pentru afecţiunile care se tratează şi se decontează de către Casă la noi în ţară şi dacă în momentul respectiv nu poate primi terapia şi nu mai poate aştepta. „Pentru a primi aprobarea trebuie să existe un dosar medical, în care medicul care recomandă plecarea declară pe proprie răspundere, printre altele, că transportul nu-i pune pacientului viaţa în pericol. La nivel naţional, marţi, erau înregistrate 121 de dosare.

Dintre acestea erau aprobate 84, iar 14 se întorseseră la Casă pentru decontare. Casa nu decontează decât costul tratamentului pentru pacientul respectiv. Se poate cere aprobare, de exemplu, pentru o intervenţie pentru o tumoră cerebrală cu o localizare greu abordabilă, care nu s-a făcut prea des în România sau pentru transplant de măduvă. Noi nu am ţinut ascuns acest formular, dar nu trebuia popularizat către pacienţi, deoarece medicul curant trebuie să facă recomandarea, după stabilirea diagnosticului şi declararea faptului că nu poate fi tratat în România în momentul respectiv”, a explicat şeful CNAS. Dr. Vasile Ciurchea a mai spus că şi alţi pacienţi care vor să se trateze în străinătate o pot face, dar fără aprobarea de la Casă nu li s-ar putea deconta decât costul tratamentului la tarifele din România.
Prin programul Ministerului Sănătăţii pentru tratament în străinătate se finanţează cazurile care nu pot fi tratate în ţară.
Sursa: Gandul.info.

Alba: una festa per conoscere la Romania e le sue tradizioni


ALBA: UNA FESTA PER CONOSCERE LA ROMANIA E LE SUE TRADIZIONI

(ga.das. 23/11) - La ricorrenza della "Festa Nazionale della Romania", che segna il compimento dello stato nazionale romeno moderno, avvenuto il 1 dicembre 1918, sarà l'occasione per festeggiare insieme sabato 1 Dicembre 2007 dalle ore 15,00 alle ore 19,00 nei locali del Centro Giovani "H Zone" di Alba. L'iniziativa, aperta a tutti, è organizzata da un gruppo di cittadini rumeni, con la collaborazione del Servizio Stranieri del Comune di Alba.
Il momento di incontro prevede la lettura di testi, canti, balli e l'assaggio di dolci tipici rumeni.
Dal mese di Ottobre 2007 un gruppo di cittadini rumeni, con la collaborazione del Servizio Stranieri del Comune di Alba, ha avviato infatti una serie di riunioni per valutare l'opportunità di costituire un'associazione di volontariato che possa diventare un punto di riferimento e di incontro per i cittadini rumeni presenti nel territorio dell'albese.
L'idea è nata dall'esigenza di dover affrontare le problematiche e le istanze relative all'integrazione "socio culturale", al lavoro, alla salute ed allo studio.La futura Associazione, che si avvarrà del supporto organizzativo del Centro Servizi per il Volontariato Società Solidale di Alba, mira ad essere un punto di riferimento per tutti quei cittadini che desiderano conoscere, approfondire e studiare la cultura, la storia e le tradizioni del Popolo Rumeno.
Nell'ottica del dialogo tra diverse culture e dello scambio sui temi della cittadinanza attiva, l'Associazione perseguirà i seguenti obiettivi ed attività: favorire l'integrazione e la multiculturalità; svolgere iniziative ed attività sul fenomeno dell'immigrazione e sulle sue cause, impegnandosi culturalmente per una visione reale e positiva; collaborare con le istituzioni locali per trovare soluzioni adeguate ai diversi problemi che i cittadini comunitari si trovano ad affrontare quotidianamente; incentivare la solidarietà e la cooperazione tra immigrati, cittadini italiani e organizzazioni democratiche; collaborare con altre organizzazioni e associazioni locali di volontariato; combattere ogni forma di discriminazione e di intolleranza nei confronti delle diversità etniche e culturali; promuovere interventi per il riconoscimento dei diritti e dei doveri dei cittadini comunitari; raggiungere condizioni di pari opportunità e favorire un inserimento nella società nel pieno rispetto delle tradizioni, della religione e della cultura del paese di appartenenza.
Fonte: Agenfax.

Romania: cultura, non violenza

Romania: cultura, non violenza

Domenica 25 novembre alle ore 17 presso la sala convegni del Centro Astalli in via del Collegio Romano 1, si terrà un dibattito sul tema
“Romania: cultura, non violenza”.
L’incontro è organizzato dalla Scuola Praxis e dalla costituente Associazione Culturale Italo-Romena “Mircea Eliade” e interverranno i Professori:
- Sorin Alexandrescu (Direttore del Centro d’Eccellenza Studio dell’Immagine dell’Università di Architettura e Urbanistica di Bucarest, nonché nipote di Mircea Eliade);
- Gheorghe Carageani (Ordinario di lingua e letteratura romena all’Orientale di Napoli e a La Sapienza di Roma). Ingresso libero.

Associazione Italia Romania Futuro Insieme (Asociatia Italia România Viitorul Împreunã) - "IRFI" Onlus
Sede legale: Piazza di Campitelli, 9 - 00186 Roma, Italia
Tel/fax: +39-06-8844636 E-mail: info@irfionlus.org Website: www.irfionlus.org

Commento all'ordinanza del Sindaco di Cittadella

Commento all’ Ordinanza del Sindaco di Cittadella sull’ iscrizione anagrafica dei cittadini comunitari
Il commento a cura dell’ Avv. Marco Paggi
Criteri discriminatori nei confronti dei cittadini comunitari che vogliano eleggere la propria residenza nel Comune di Cittadella, e quindi ottemperare all’obbligo di iscrizione anagrafica per chi soggiorna per più di tre mesi, questo in sintesi il principio secondo il quale è stata emanato il provvedimento.
Indagini preventive e sistematiche per la rilevazione del reddito, richiesta di idoneità alloggiativa, eslusione dalla possibilità di iscriversi all’anagrafe per chi ha a suo carico precedenti penali.
L’Ordinanza sembra muoversi su un terreno che varca sia i confini della legislazione in materia di iscrizione anagrafica, sia quella che regola il diritto di soggiorno dei cittadini comunitari. Nonchè, sembra conferire all’amministrazione comunale poteri che non le competono.
Ascolta il commento dell’Avv. Marco Paggi
Vedi la Circolare del Ministero dell’Interno 8/1995
Vedi la Circolare del Ministero dell’Interno 2/1997
Vedi il D.Lgs 30 del 6 febbraio 2007
Scarica l’Ordinanza del Sindaco di Cittadella
[ venerdì 23 novembre 2007 ]
Fonte: Melting Pot

Leggi anche: Sindaco del padovano firma provvedimento contro gli stranieri.

venerdì 23 novembre 2007

VT: Stasera concerto gratuito all'Unione: protagonista la banda Ferentum

COMUNICATO STAMPA N° 390
Viterbo, 16 novembre 2007

PER SANTA CECILIA CONCERTO GRATUITO ALL'UNIONE: PROTAGONISTA LA BANDA FERENTUM

Venerdì 23 novembre prossimo alle 21 presso il Teatro Unione sarà celebrata Santa Cecilia, patrona della musica, con un concerto della banda musicale "Ferentum" di Grotte S. Stefano, diretta dal Maestro Carlo Pierluigi De Santis. L'evento, che vede il patrocinio e il diretto impegno dell'assessorato alla Cultura del Comune, è ad ingresso gratuito e costituisce un omaggio che il gruppo musicale, vuole dedicare alla città e all'Amministrazione Comunale, per l'attenzione che ha sempre riservato alla "Ferentum", coinvolgendola costantemente in manifestazioni ed eventi, in cui la banda si e fatta onore e ha registrato lusinghieri successi. E' ancora vivo nei ricordi di tutti il clima di festa che la banda ha saputo creare in apertura della notte bianca dello scorso luglio. Il gruppo è entusiasta di esibirsi in un luogo tanto prestigioso come il Teatro Unione, messo a disposizione dal Comune per l'occasione. E anche stavolta la banda Ferentum presenta un programma di tutto riguardo: da Verdi al "padre" del musical Lloyd Weber, dall'intramontabile Gershwin a Bernstein, con una gradita incursione nella musica d'eccellenza italiana, dedicata a Ennio Morricone e Pino Donaggio.Non poteva mancare, in chiusura del programma, l'inno della Ferentum, composto dal suo indimenticato fondatore Etolo Braccioni. Una vera festa della musica, alla quale tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

L'Ufficio Stampa
Tel. 0761.348299
Tel. 0761.348298
Fax 0761.331906
E-M ufficiostampa@comune.viterbo.it

Comune di Viterbo

giovedì 22 novembre 2007

Preşedintele Italiei, Giorgio Napolitano, consideră că expulzarea a 200.000 de români ar fi o acţiune de "deportare"


ROMA / 22:06, 21.11.2007
Expulzarea a 200.000 de români din Italia ar fi "o deportare în afara oricărui cadru legal", afirmă, într-un interviu acordat publicaţiei germane Die Zeit, preşedintele italian Giorgio Napolitano, subliniind că mulţi români au reuşit să se integreze în societatea italiană.

Expulzarea a 200.000 de români din Italia ar fi "o deportare în afara oricărui cadru legal. Atât în nume personal, cât şi în calitatea de şef al statului nu pot accepta în niciun fel o asemenea ipoteză", a declarat Giorgio Napolitano, relatează pagina online a APcom. Preşedintele Italiei a acordat acest interviu înaintea vizitei pe care o va efectua în Germania în intervalul 26 - 27 noiembrie.

Referindu-se la cazul italiencei Giovanna Reggiani, moartă după ce a fost agresată de un rom pe o stradă din Roma, Napolitano a remarcat că în Italia "s-au înregistrat de curând episoade de violenţă, pe de o parte infracţiuni, pe de alta reacţii oarbe şi inadmisibile împotriva unor membri ai comunităţilor de romi sau de români".

"Trebuie să menţinem o politică a imigraţiei care să fie deschisă intrării legale a muncitorilor de care ţara noastră are nevoie şi care să fie integraţi deplin, dar, în acelaşi timp, să combatem decisiv imigraţia clandestină şi traficul de fiinţe umane", afirmă şeful statului italian.

"Orice opoziţie faţă de creşterea populaţiei străine din Italia va fi combătută. Avem ca exemplu mulţi imigranţi români care s-au integrat foarte bine şi lucrează foarte bine în diverse domenii. Contează şi faptele, nu doar vorbele. Spre exemplu, în unele regiuni din nord-est asistăm la un paradox. Acolo sunt mulţi imigranţi absolut necesari economiei, există şi prejudecăţi ideologice referitoare la imigraţie, însă este cert că imigranţii s-au integrat bine, mult mai bine decât în alte regiuni", explică Napolitano.

Sursa: Mediafax.

mercoledì 21 novembre 2007

Decreto espulsioni 2007: Il Ministro dell'Interno esorta i prefetti

Ministro Giuliano Amato
21.11.2007
Decreto espulsioni 2007: il ministro dell'Interno esorta a utilizzare con continuità le diverse forme di espulsione che derivano dalla direttiva europea
L'invito di Amato ai prefetti nell'incontro di oggi al Viminale. Aumentano i rimpatri volontari e diminuicono gli afflussi
L'importanza della 'continuità' nell'applicazione del decreto legge in materia di espulsione di cittadini comunitari è stata sottolineata dal ministro dell'Interno, Giuliano Amato, che ha presieduto oggi al Viminale una riunione sull'applicazione del provvedimento.Alla riunione hanno partecipato i prefetti delle città maggiormente interessate, il capo della Polizia prefetto Antonio Manganelli, il capo del Dipartimento per le Liberta' civili e l'Immigrazione prefetto Mario Morcone, e il capo del Dipartimento per le Politiche del personale, dell'Amministrazione civile e le risorse strumentali, Giuseppe Procaccini.L'incontro è servito a fare il punto sull'attuazione delle misure di allontanamento. Tutti i prefetti intervenuti hanno espresso unanime apprezzamento per le nuove norme. E' stato, in particolare, sottolineato l'effetto di deterrenza che ha portato a una forte riduzione della pressione in sede locale, con numerosi rimpatri volontari e meno afflussi.Il ministro Amato ha sottolineato l'importanza, proprio ai fini della deterrenza, della continuità nell'applicazione del decreto, utilizzando le diverse forme di espulsione che derivano dalla direttiva europea; ferma restando la scelta di non operare espulsioni di massa, che violerebbero la normativa europea e i principi del nostro ordinamento.
Ministero dell'Interno

I conti con i Rom

21/11/2007
I conti con i Rom

di ENZO BETTIZA

Ho letto che a due settimane dal decreto sono stati espulsi 177 romeni. Mi ha colpito l’esiguità dei numeri, 11 a Roma dopo lo scempio della signora Reggiani, certo scarsi rispetto alle migliaia e migliaia di immigrati arrivati dall’Est. Ma, ancor più, mi ha impressionato la superficiale e falsificante connotazione etnica attribuita in blocco ai 177 espulsi: da qualche tempo, a leggere i giornali, i delinquenti degni di cacciata con accompagnamento sarebbero «romeni». O, peggio, «rumeni» con la «u» intrisa di sprezzo.
Ma chi sono questi anomali profughi di tempi di pace? Da quali abissi antropologici emergono le ultime maree di disperati che, dopo l’entrata della Romania e della Bulgaria nell’Unione di Bruxelles, dilagano per l’Europa occidentale mirando in particolare ai tolleranti tepori della Penisola italica? Già in anni migliori, quando nel cuore di Roma regnava un papa slavo, si usava sveltamente definire «slavo» il primo zingaro o kosovaro albanofono piombato dai Balcani dentro la ragnatela di una cronaca nera italiana.
Oggi va più di moda il delinquente «romeno». Qui la confusione è assoluta, grave, ispirata al peggiore pressappochismo giornalistico e analfabetismo culturale. La fobia popolare nei confronti degli zingari rom, che nelle borgate covava da un pezzo ed è esplosa, dopo l’omicidio di Tor di Quinto, nell’attacco indiscriminato contro incensurati cittadini provenienti dalla Romania, è stata provocata dal fatto che il presunto assassino è un rom e che quelle tre lettere sembrano comporre la metà esatta del vocabolo «romeno».
Non penso che un pugno d’estremisti marginali, i quali hanno preso lucciole per lanterne e rappresentano comunque la punta di una guerriglia strisciante, sempre meno latente, tra miserabili alieni e poveri italiani, debbano conoscere la storia, l’etnografia e la cultura della Romania. Raccomanderei però almeno ai colleghi, quando scrivono, di rispettare sia lo zingaro che il romeno, non mettendoli entrambi nello stesso sacco o tirandone alla rinfusa fuori ora l’uno ora l’altro.
Mi permetterei di ricordare che la Romania, la cui lingua scende da quella di Ovidio relegato da Augusto a Tomi, l’odierna Costanza sul Mar Nero, è la misteriosa eccezione romanza, è l’isola neolatina dell’estremo Oriente europeo: una rarità, archeologica e filologica, miracolosamente sopravvissuta in un oceano barbarico sul limes dacio dell’impero da cui ha ereditato il nome. L’album di famiglia, che ricollega più modernamente l’Europa ai romeni, contiene una sfilata di personalità degne di stima: dal poeta Eminescu al drammaturgo Caragiale senza il quale non avremmo Ionesco, dallo storico Nicolae Iorga ammirato da Croce al lirico delle religioni Mircea Eliade amico di Papini, dal romanziere Horia al filosofo Cioran maestro raffinato della lingua francese. Rammento di aver visto, già diversi anni addietro, sventolare dalla camera di commercio di una laboriosa città veneta la bandiera romena accanto a quella nazionale.L’altra faccia della medaglia, la faccia dolente, che non coinvolge la sola Romania ma l’intera regione balcanica, concerne purtroppo la piaga degli zingari. Oramai agli occhi e alla mente dell’italiano medio o popolano, che ne avverte sulla pelle l’oscura contiguità fisica, che li teme e li fugge, gli zingari tutti, benché diversi tra loro, si raggruppano indifferentemente nell’epitome «rom». La paura ancestrale, direi medievale, dello zigano nomade, accattone, ladro di bambini, è riemersa in forme di razzismo primario collettivo da non molto: da quando, negli anfratti di Roma e nella banlieue di Milano, si sono velocemente moltiplicate tra fiumi e discariche le tendopoli di lamiera degli indesiderabili «vagabondi». Un recente sondaggio del Corriere della Sera ha radiografato la paura: è risultato che sono tanti gli italiani che giudicano particolarmente antipatico (questa la parola usata) il «popolo rom». Oltre il 70 per cento ha dichiarato che la convivenza è impossibile. Molti suppongono che, tra crimini minori e maggiori, ne vivano in Italia addirittura due milioni. La realtà, seppure non facilmente dimostrabile e quindi opinabile, appare tuttavia diversa. Secondo stime ufficiali i «rom» sarebbero 160 mila, di cui 70 mila di cittadinanza italiana; ma sfuggono all’accertamento anagrafico quelli nascosti nei baraccamenti, non censiti, o solo approssimativamente registrati. I Balcani costituiscono il principale vivaio di provenienza. L’improvvisa calata dalle coste del Mar Nero a quelle mediterranee si spiega soprattutto con le legislazioni di Bucarest e di Sofia (le leggi jugoslave si sono diversificate tra gli Stati emersi dalle ultime guerre) che hanno conservato, nei confronti degli zingari, un certo rigore comunista. In Italia hanno potuto piantare le baraccopoli che i bulldozer romeni e bulgari, comunisti o democratici che fossero, non hanno mai risparmiato. Da questo punto di vista la Romania, dopo l’ingresso in Europa, incombe come una bomba a orologeria su grandi città come Roma, Milano, Parigi, Berlino, Madrid: si paventa che circa due milioni di rom con passaporto romeno, quindi comunitario, siano già sul piede di partenza.
Il problema esiste ed è serio e va affrontato su scala non solo italiana. Il modello Sarkozy, già ministro dell’Interno nei giorni d’incendio delle banlieues, propone un diametro che va dall’accoglienza garantita alla tolleranza zero: o il nomade accetta un patto di legalità e stabilità, con stanziamento fisso e scuola d’obbligo per i figli, oppure deve risalire sulla roulotte e andarsene. Non va neppure dimenticato il modello di collaborazione riuscita fra autorità italiane e albanesi al tempo degli scafisti e dell’invasione selvaggia dall’altra sponda adriatica: Tirana, incassando notevoli sussidi, rispettò patti e restrizioni e gli sbarchi cessarono. Uno stesso tipo di collaborazione potrebbe essere offerto, nel comune quadro europeo, da Roma a Bucarest.
Urge qualcosa di più concreto della retorica umanitaria. Non basta opporre l’universalità astratta del bene alla zingarofobia diffusa fra i ceti popolari, costretti a vivere a un passo da tuguri a rischio di epidemie, infestati di topi di fogna, privi d’acqua corrente, senza servizi igienici. Non basta la firma su manifesti politicamente corretti di pochi privilegiati che vivono lontani dai fetori, in superattici ovattati, saldamente protetti da introiti sicuri, da sofisticati congegni antifurto e anche da guardie del corpo. Un certo antirazzismo parolaio d’alto rango, che vede rigurgiti nazifascisti e se la prende con la globalizzazione, non serve a niente; nemmeno alla salvezza degli zingari migliori che condannano i peggiori e vorrebbero vivere da cittadini stanziali e normali in abitazioni decenti. Può servire, tutt’al più, a offendere gli italiani dimessi che nelle periferie patiscono una quotidianità magra e pericolosa, con pochi euro al mese, a contatto stremante e umiliante con la propria e l’altrui miseria.
La Stampa.

O româncă menajeră, cu acte în regulă, învineţită de poliţia italiană


Plângere Târâtă la secţie cu brutalitate
O româncă menajeră, cu acte în regulă, învineţită de poliţia italiană
de Dragoş BOŢA
21 NOIEMBRIE 2007

O româncă a plecat de la secţie cu braţele învineţite de loviturile poliţiştilor italieni. „Curvă româncă, îmi spuneau poliţiştii în timp ce mă trăgeau pe scări. O să-ţi facem documente pe decret şi o să te expulzăm imediat din Italia.
Aşa o să păţiţi toţi românii. M-au prins de mâini şi mă dădeau de toţi pereţii când urcam treptele. Au tras de mine, aşa, două etaje. Mă împingeau să merg după ei. Mă strângeau de braţe cu mâinile de parcă aveau menghini. Eu strigam la colegii lor de pe margine să mă scape, dar ei se uitau şi râdeau. Plângeam şi ţipam să mă lase, dar degeaba“.

Când am ajuns sus, la ei în birou, nu-mi mai puteam mişca braţele. Le-am cerut un pahar de apă pentru că mi s-a făcut rău, dar nu mi-au dat un ceai decât după ce a venit unul dintre şefii lor. Am vomitat imediat”, şi-a amintit, cu lacrimi în ochi, ieri, la Consulatul românesc din Torino, Nina P., de 35 de ani, din Bacău. Aceasta a reclamat tratamentul de care a avut parte din partea unor poliţişti italieni din Torino, în secţia din Miriafori Sud. Spusele româncei, care lucrează de trei ani de zile în „Cizmă”, au fost întărite de vânătăile imense pe care femeia le are în continuare pe braţe, la zece zile de la producerea incidentului. Femeia este angajată legal ca îngrijitoare, iar în Italia stă împreună cu soţul.
Totul a pornit de la o plângere pe care au depus-o împotriva ei, în luna martie, fii bătrânului pe care Nina-l îngrijeşte de trei ani. „Omul are 83 de ani şi a descoperit că unul dintre băieţi îi ia din bani. S-a dus la bancă şi i-a blocat contul. Băieţii lui m-au acuzat pe mine că vreau să-mi lase mie averea lor şi au depus plângere că-l infuenţez pe tatăl lor să-mi dea mie averea lor. O prostie, pentru că cei 500 şi ceva de euro salariu pe lună îi plăteşte din contul lui în contul meu. Sâmbătă dimineaţa, la 8,30, au venit trei poliţişti şi au spus că trebuie să facă o percheziţie, pentru a vedea dacă am documente bancare sau alte lucruri de genul ăsta. Într-una îmi spuneau că noi, româncele, suntem toate nişte curve şi nişte infractoare.
Când am ajuns la secţie, s-au apucat să scrie procesul verbal de percheziţie. I-am întrebat de ce nu au verificat şi cantina de sub apartamentul meu, pentru că după aia vor spune băieţii bătrânului că acolo aveam cine ştie ce. Am refuzat să semnez documentele, pentru că nu erau adevărate”, a povestit femeia. Extrem de nervoşi că trebuia să lucreze mai mult sâmbăta, poliţiştii italieni s-au dezlănţuit împotriva femeii: „au început să urle la mine că trebuia să tac dracului din gură. N-am mai ajuns la apartament, că şoferul s-a întors la secţie.
Când am coborât din maşină, unul dintre ei a început să mă împingă”. La scurt timp după ce au agresat-o, poliţiştii italieni au lăsat-o să plece acasă, refuzând să-i înregistreze plângerea pe care a vrut să o depună pe loc împotriva agresorilor şi asigurând-o că nimeni nu-i va da dreptate. „Am fost şocată. Două zile nu am putut să-mi mişsc braţele. Lucrez cinstit şi legal în Italia. Nu văd de ce trebuie să se comporte aşa cu mine. Sunt trei ani de când nu mi-am văzut copilul. M-am sacrificat pentru el aici. Cum să mă duc acasă, aşa, cu braţele învineţite?”, s-a întrebat românca.
Un certificat medico-legal a constatat existenţa rănilor de pe braţele româncei, în aceiaşi zi în care a fost dusă la secţie. Nina P. vrea să i se facă dreptate. Şi-a angajat avocat şi a depus o plângere la consulat. „Nu ştiu dacă acuzaţiile împotriva cetăţeanului român se confirmă sau nu. Acest lucru trebuie stabilit de justiţie. Ca reprezentanţi ai statului români nu suntem puşi să dăm verdicte asupra acţiunilor autorităţilor italiene, ci să ne asigurăm că oricărui cetăţean al statului nostru îi sunt respectate drepturile”, a declarat , pentru Gândul, consulul Alexandru Dumitrescu.
Sursa: Gandul.info.

Au inceput platile de la Fondul Proprietatea


Au inceput platile de la Fondul Proprietatea
21 Noiembrie 2007
de Mihaela Dinca
Beneficiarii compensatiilor in numerar nu sunt multumiti de sumele primite, dar cred ca oricum e mai bine decat nimic.

Primele despagubiri in bani pentru proprietarii imobilelor confiscate de regimul comunist au fost virate ieri in contul acestora. 20 dintre cei care pana ieri stateau in frig in fata sediului Autoritatii Nationale pentru Restituirea Proprietatilor (ANRP) au primit ieri sute de mii de lei, drept despagubiri. Banii, cam putin pentru unii dintre ei, „sunt totusi buni, in loc de nimic”. „Astept din 2001, de cand mi-am depus dosarul, insa decat nimic, vin bine si acesti bani”, se plangea ieri, pe holurile guvernului o femeie la vreo 60 de ani, in al carei cont intrasera deja banii. Aceasta si-a piedut casa in 1962, din cauza unui ordin care prevedea demolarea cladirii. In situatii similare sunt si ceilalti 19 fosti proprietari care au primit titlurile de despagubire chiar de la premierul Calin Popescu-Tariceanu. Acestora le-au fost confiscate casele sau terenurile. Putini dintre ei au afirmat ca suma primita echivaleaza cu bunurile pierdute. „Sunt multumit sau nu, acestia sunt banii”, spunea un batranel ce-si tinea strans dosarul primit de la premier. Presedintele ANRP, Ingrid Zaarour, a afirmat ca 30-50 de persoane vor primi zilnic astfel de despagubiri. In prezent, Autoritatea dispune de 33 de milioane de lei pentru acordarea compensatiilor in numerar si urmeaza sa mai primeasca alte 22 de milioane de lei. Cei care au ales actiuni la Fondul Proprietatea, si nu bani au primit asigurari de la ministrul economiei, Varujan Vosganian, ca Fondul va deveni, anul viitor, cel mai mare actor listat pe pietele din Europa Centrala si de Est.
LEGISLATIE
Bani sau actiuni
Incepand cu octombrie 2007, fostilor proprietari de imobile nationalizate li s-a dat dreptul sa aleaga cu privire la modalitatea de valorificare a titlurilor de despagubire: fie bani in limita a 500.000 de lei, fie actiuni la Fondul Proprietatea. Pana la listarea Fondului, fostii proprietari nu pot valorifica titlurile primite in contul despagubirilor. La inceputul lunii noiembrie peste 3.000 erau actionari ai Fondului, avand o participatie cumulata de 11,26% din capital. Cei care vor sa primeasca bani trebuie sa se adreseze ANRP pana la sfarsitul lunii martie 2008. Adresa acestei institutii este Calea Floreasca nr. 202, sector 1, Bucuresti.
Evenimentul Zilei Nr. 4999

martedì 20 novembre 2007

Napolitano: "Rom e romeni non sono il male"


''Aprire canali nuovi di accesso per tanti giovani''
Napolitano: ''Rom e romeni non sono il male''
Il presidente della Repubblica intervenendo al Quirinale in occasione della celebrazione della 'Giornata nazionale dell'infanzia': ''Bisogna modificare la legge sulla cittadinanza che è troppo restrittiva, non aver paura ma integrare''. Bindi e Ferrero: un piano d'azione per l'infanzia e l'adolescenza

Roma, 20 nov. (Adnkronos/Ign) - "Modificare la legge sulla cittadinanza che è troppo restrittiva". E' quanto chiede il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano(nella foto), intervenendo al Quirinale in occasione della celebrazione della 'Giornata nazionale dell'infanzia', in coincidenza con l'anniversario della Convenzione Onu sui diritti dei minori. Per il capo dello Stato, "bisogna aprire canali nuovi di accesso alla cittadinanza italiana, per tanti ragazzi e per tanti giovani". Napolitano esorta a "evitare che in Italia dilaghi la violenza, specie se impunita'' ma al tempo stesso ammonisce: "Guai a passare ad atteggiamenti di indiscriminata accusa. Si è sentito dire - ricorda il presidente - che i rom, che tutti i romeni, sono il male, qualcosa di cui il nostro Paese deve aver paura. Non bisogna aver paura ma bisogna integrare, far rispettare la legge, dare cittadinanza a giovani che sono nati in Italia".Il capo dello Stato insiste nel chiedere la massima attenzione per "i bambini che sono in Italia senza essere cittadini italiani o figli di cittadini italiani, i bambini che sono figli di immigrati. Guai - è il monito di Napolitano - a non pensare che questi bambini hanno gli stessi diritti degli altri, degli italiani". E ricorda poi con forza che "i diritti fondamentali, sanciti anche dalla convenzione dell'Onu sui diritti dell'infanzia, sono di tutti i bambini, senza eccezione alcuna, che si trovano nel nostro Paese, comunque essi siano entrati in Italia e comunque siano entrati in Italia i loro genitori. I loro diritti sono gli stessi dei diritti di chi è nato in Italia e dei figli di italiani - ribadisce - credo che sia molto importante crescere con questa convinzione e in questa educazione".Napolitano si rivolge direttamente alla platea di ragazzi presenti nel Salone dei Corazzieri al Quirinale. ''Certe volte, la tv mostra brutture e violenze che non sarebbe necessario mostrare - dice il capo dello Stato -. Però, quando mostra bambini che non hanno cibo, che non hanno casa, che in tante parti del mondo sono costretti a fare la guerra. Allora queste immagini è bene che le vediate anche voi, affinché ricordiate sempre che la causa è comune ai bambini e agli adolescenti di tutto il mondo, a tutta l'umanità, alle generazioni più lontane e più diverse''. Presenti alla celebrazione anche il ministro delle Politiche per la famiglia Rosy Bindi e della Solidarietà sociale Paolo Ferrero. La Bindi annuncia "un nuovo piano d'azione per l'infanzia e l'adolescenza, con l'obiettivo di promuovere e ridefinire un nuovo patto educativo tra le generazioni e tra la famiglia e la società, che punti al benessere non solo del proprio figlio ma di ogni ragazzo e valorizzi, sulla base di progetti e finalità condivise l'impegno delle diverse realtà educative del paese". "Favorire l'inclusione sociale - sottolinea da parte sua Ferrero - è una politica di attenzione verso i ragazzi. La lotta alle paure e all'insicurezza, per sviluppare la crescita dei ragazzi in una condizione che li ponga con la speranza di realizzare in futuro i propri desideri, sia un punto decisivo". Il ministro invita a "costruire un 'habitat' in cui i ragazzi possano crescere, guardando ai loro diritti dal punto di vista di chi ne usufruisce di meno. Infatti - ricorda Ferrero - i diritti sono tali quando lo sono per tutti, a partire proprio da chi sta peggio nella nostra società".
Fonte: Adnkronos Ign.

Gruppo di lavoro congiunto tra Italia e Romania

19/11/2007 ore 15.56
Esteri
UN GRUPPO DI LAVORO CONGIUNTO TRA ITALIA E ROMANIA: ALLA FARNESINA IL VICE MINISTRO DANIELI INCONTRA IL SOTTOSEGRETARIO ROMENO GHEORGHIU
ROMA\ aise\ - "Occorre lavorare insieme per favorire l’integrazione, convivenza, riconoscimento reciproco, tenendo però chiaro e fermo il rispetto delle leggi e sempre condannando gli atti contrari alla legalità. Abbiamo pertanto concordato di istituire un Gruppo di lavoro congiunto tra i responsabili delle comunità italiana e romeni presenti nei rispettivi Paesi". È quanto stabilito in una dichiarazione congiunta per risolvere e gestire il problema della sicurezza e dei flussi migratori dalla Romania all’Italia, siglata oggi alla Farnesina dal Vice Ministro per gli Affari Esteri, Franco Danieli e dal Sottosegretario di Stato degli Affari Esteri romeno, Mihai Gheorghiu, e successivamente presentata alla stampa.
Nella dichiarazione congiunta viene ribadito che il "rapporto bilaterale tra Italia e Romania ha raggiunto una lunga consuetudine di approcci positivi e costruttivi. Eccellenti sono le relazioni politico-diplomatiche; basti ricordare che l’Italia è stato il primo Paese fondatore dell’Unione Europea a ratificare il trattato di adesione della Romania e che il Primo Ministro Prodi-sotto la cui guida la Commissione Europea varò il programma di allargamento tra Romania e Bulgaria-è stato il primo leader europeo a visitare Bucarest all’indomani dell’ingresso dell’Ue. I vincoli economici-commerciali sono unici; quest’anno saranno superati i 12 miliardi di euro di interscambio, oltre 20.000 imprenditori italiani operano in Romania generandovi circa 800.000 posti di lavoro, mentre centinaia di migliaia di romeni costituiscono ormai da anni la più numerosa comunità straniera in Italia".
Danieli, leggendo la dichiarazione congiunta, ha sottolineato che i Governi di Roma e Bucarest "intendono affrontare questa complessa problematica nello spirito di amicizia e fratellanza tra italiani e romeni che è andato consolidandosi in tutti questi anni e che porterà presto alla firma di un nuovo documento di partenariato strategico da parte dei due ministri degli Esteri".
Ma "all’interno di un rapporto tanto ricco e variegato", ha continuato il Vice Ministro Danieli, "possono nascere delle criticità. Anche in questo momento, le Istituzioni dei nostri due Paesi stanno lavorando insieme per ottenere in breve tempo un loro superamento. In questa direzione si colloca anche il pacchetto di specifiche iniziative adottato dal Governo romeno".
Il Sottosegratario di Stato romeno Gheorghiu, concorde con il Vice ministro Franco Danieli, ha ribadito che "la visita di oggi dimostra la volontà di collaborazione tra Italia e Romania per risolvere i problemi che si sono creati. L’incontro è stato occasione anche per uno scambio di opinioni su i rapporti politici ed economici tra i due Paesi e anche sul decreto legge adottato dall’Italia".
Nel suo intervento il Sottosegretario romeno ha ricordato che la presenza di una così folta comunità romena nel nostro Paese possa essere un ulteriore strumento per migliorare e rinforzare i rapporti tra Italia e Romania, partendo da un presupposto comune, il rispetto delle leggi e della legalità. I fenomeni illegali devono essere fermati e non amplificati per evitare impatti negativi su tutta la comunità romena. È necessari una "gestione lucida dei problemi da entrambi i Governi", ha affermato Gheorghiu. "I problemi", ha continuato, "vanno risolti con saggezza e legalità, escludendo ed evitando reazioni estremiste e xenofobe che accrescerebbero le tensioni tra le due comunità". "La via della comunicazione e la soluzione del gruppo di lavoro congiunto", ha concluso, "sono la via più giusta".
Sollecitato dai giornalisti il Sottosegretario Gheorghiu evidenziato la necessità di risolvere i problemi rimanendo "entro il quadro della giurisprudenza internazionale e comunitaria" ricordando anche che ai cittadini romeni che saranno espulsi dall’Italia il Governo romeno "garantirà assistenza giuridica a coloro che reputino l’allontanamento illegale" (federica cerino\aise)
Fonte: Agenzia Aise.

Nessun popolo è illegale

Il triangolo nero - Appello
View Current Signatures - Sign the Petition
To: Opinione pubblica
Il triangolo nero
Violenza, propaganda e deportazione. Un manifesto di scrittori, artisti e intellettuali contro la violenza su rom, rumeni e donne

La storia recente di questo paese e’ un susseguirsi di campagne d’allarme, sempre piu’ ravvicinate e avvolte di frastuono. Le campane suonano a martello, le parole dei demagoghi appiccano incendi, una nazione coi nervi a fior di pelle risponde a ogni stimolo creando “emergenze” e additando capri espiatori. Una donna e’ stata violentata e uccisa a Roma. L’omicida e’ sicuramente un uomo, forse un rumeno. Rumena e’ la donna che, sdraiandosi in strada per fermare un autobus che non rallentava, ha cercato di salvare quella vita. L’odioso crimine scuote l’Italia, il gesto di altruismo viene rimosso. Il giorno precedente, sempre a Roma, una donna rumena e’ stata violentata e ridotta in fin di vita da un uomo. Due vittime con pari dignita’? No: della seconda non si sa nulla, nulla viene pubblicato sui giornali; della prima si deve sapere che e’ italiana, e che l’assassino non e’ un uomo, ma un rumeno o un rom. Tre giorni dopo, sempre a Roma, squadristi incappucciati attaccano con spranghe e coltelli alcuni rumeni all’uscita di un supermercato, ferendone quattro. Nessun cronista accanto al letto di quei feriti, che rimangono senza nome, senza storia, senza umanita’. Delle loro condizioni, nulla e’ piu’ dato sapere. Su queste vicende si scatena un’allucinata criminalizzazione di massa. Colpevole uno, colpevoli tutti. Le forze dell’ordine sgomberano la baraccopoli in cui viveva il presunto assassino. Duecento persone, tra cui donne e bambini, sono gettate in mezzo a una strada. E poi? Odio e sospetto alimentano generalizzazioni: tutti i rumeni sono rom, tutti i rom sono ladri e assassini, tutti i ladri e gli assassini devono essere espulsi dall’Italia. Politici vecchi e nuovi, di destra e di sinistra gareggiano a chi urla piu’ forte, denunciando l’emergenza. Emergenza che, scorrendo i dati contenuti nel Rapporto sulla Criminalita’ (1993-2006), non esiste: omicidi e reati sono, oggi, ai livelli piu’ bassi dell’ultimo ventennio, mentre sono in forte crescita i reati commessi tra le pareti domestiche o per ragioni passionali. Il rapporto Eures-Ansa 2005, L’omicidio volontario in Italia e l’indagine Istat 2007 dicono che un omicidio su quattro avviene in casa; sette volte su dieci la vittima e’ una donna; piu’ di un terzo delle donne fra i 16 e i 70 anni ha subito violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita, e il responsabile di aggressione fisica o stupro e’ sette volte su dieci il marito o il compagno: la famiglia uccide piu’ della mafia, le strade sono spesso molto meno a rischio-stupro delle camere da letto. Nell’estate 2006 quando Hina, ventenne pakistana, venne sgozzata dal padre e dai parenti, politici e media si impegnarono in un parallelo fra culture. Affermavano che quella occidentale, e italiana in particolare, era felicemente evoluta per quanto riguarda i diritti delle donne. Falso: la violenza contro le donne non e’ un retaggio bestiale di culture altre, ma cresce e fiorisce nella nostra, ogni giorno, nella costruzione e nella moltiplicazione di un modello femminile che privilegia l’aspetto fisico e la disponibilita’ sessuale spacciandoli come conquista. Di contro, come testimonia il recentissimo rapporto del World Economic Forum sul Gender Gap, per quanto riguarda la parita’ femminile nel lavoro, nella salute, nelle aspettative di vita, nell’influenza politica, l’Italia e’ 84esima. Ultima dell’Unione Europea. La Romania e’ al 47esimo posto. Se questi sono i fatti, cosa sta succedendo? Succede che e’ piu’ facile agitare uno spauracchio collettivo (oggi i rumeni, ieri i musulmani, prima ancora gli albanesi) piuttosto che impegnarsi nelle vere cause del panico e dell’insicurezza sociali causati dai processi di globalizzazione. Succede che e’ piu’ facile, e paga prima e meglio sul piano del consenso viscerale, gridare al lupo e chiedere espulsioni, piuttosto che attuare le direttive europee (come la 43/2000) sul diritto all’assistenza sanitaria, al lavoro e all’alloggio dei migranti; che e’ piu’ facile mandare le ruspe a privare esseri umani delle proprie misere case, piuttosto che andare nei luoghi di lavoro a combattere il lavoro nero. Succede che sotto il tappeto dell’equazione rumeni-delinquenza si nasconde la polvere dello sfruttamento feroce del popolo rumeno. Sfruttamento nei cantieri, dove ogni giorno un operaio rumeno e’ vittima di un omicidio bianco. Sfruttamento sulle strade, dove trentamila donne rumene costrette a prostituirsi, meta’ delle quali minorenni, sono cedute dalla malavita organizzata a italianissimi clienti (ogni anno nove milioni di uomini italiani comprano un coito da schiave straniere, forma di violenza sessuale che e’ sotto gli occhi di tutti ma pochi vogliono vedere). Sfruttamento in Romania, dove imprenditori italiani - dopo aver “delocalizzato” e creato disoccupazione in Italia - pagano salari da fame ai lavoratori. Succede che troppi ministri, sindaci e giullari divenuti capipopolo giocano agli apprendisti stregoni per avere quarti d’ora di popolarita’. Non si chiedono cosa avverra’ domani, quando gli odii rimasti sul terreno continueranno a fermentare, avvelenando le radici della nostra convivenza e solleticando quel microfascismo che e’ dentro di noi e ci fa desiderare il potere e ammirare i potenti. Un microfascismo che si esprime con parole e gesti rancorosi, mentre gia’ echeggiano, nemmeno tanto distanti, il calpestio di scarponi militari e la voce delle armi da fuoco. Succede che si sta sperimentando la costruzione del nemico assoluto, come con ebrei e rom sotto il nazi-fascismo, come con gli armeni in Turchia nel 1915, come con serbi, croati e bosniaci, reciprocamente, nell’ex-Jugoslavia negli anni Novanta, in nome di una politica che promette sicurezza in cambio della rinuncia ai principi di liberta’, dignita’ e civilta’; che rende indistinguibili responsabilita’ individuali e collettive, effetti e cause, mali e rimedi; che invoca al governo uomini forti e chiede ai cittadini di farsi sudditi obbedienti. Manca solo che qualcuno rispolveri dalle soffitte dell’intolleranza il triangolo nero degli asociali, il marchio d’infamia che i nazisti applicavano agli abiti dei rom. E non sembra che l’ultima tappa, per ora, di una prolungata guerra contro i poveri. Di fronte a tutto questo non possiamo rimanere indifferenti. Non ci appartengono il silenzio, la rinuncia al diritto di critica, la dismissione dell’intelligenza e della ragione. Delitti individuali non giustificano castighi collettivi. Essere rumeni o rom non e’ una forma di “concorso morale”. Non esistono razze, men che meno razze colpevoli o innocenti. Nessun popolo e’ illegale.
Aderire su Il triangolo nero

Menù etnici - si ricomincia con il pasto romeno

19-11-2007 ore 19:09
Mense, nelle scuole da dicembre torna il menu etnico: si ricomincia con il pasto romeno

Da dicembre, dopo una sospensione e tante polemiche, nelle scuole si tornerà a servire il "menu etnico". Si riprenderà con il pasto romeno e in ogni caso gli alunni che non gradiscono questo tipo di menu avranno a disposizione un'alternativa di menu tradizionale.

Fonte: Roma Città.

lunedì 19 novembre 2007

Libera circolazione nell´Ue: rispetto delle leggi e limiti precisi alle espulsioni

LIBERA CIRCOLAZIONE NELL´UE: RISPETTO DELLE LEGGI E LIMITI PRECISI ALLE ESPULSIONI

Bruxelles, 19 novembre 2007 - La libera circolazione nell´Ue è un diritto fondamentale, ma occorre che tutti i cittadini rispettino le leggi. E´ quanto afferma il Parlamento sottolineando che la direttiva europea in materia pone limiti ben precisi alla possibilità di espellere cittadini verso i loro paesi d´origine. Si compiace poi dell´iniziativa italo-rumena e chiede una strategia per l´inclusione sociale dei rom. Esprime critiche al commissario Frattini per talune sue dichiarazioni rilasciate alla stampa. Approvando con 306 voti favorevoli, 186 contrari e 37 astensioni una risoluzione sostenuta da Pse, Alde, Verdi/ale e Gue/ngl, il Parlamento ribadisce il valore della libertà di circolazione delle persone quale principio fondamentale dell´Unione europea, «parte costitutiva della cittadinanza europea ed elemento fondamentale del mercato interno». […] Il rispetto delle leggi di ogni paese membro, pertanto, «è una condizione essenziale per la coesistenza e l´inclusione sociale nell´Unione» e «ogni individuo ha l´obbligo di rispettare le leggi in vigore nello Stato membro in cui si trova» e il diritto dell´Unione europea. Il Parlamento, inoltre, invita gli Stati membri a procedere più rapidamente al rafforzamento degli strumenti di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale per garantire una lotta efficace contro la criminalità organizzata e la tratta degli esseri umani, garantendo al contempo un quadro uniforme di garanzie procedurali. D’altra parte, ricorda che la direttiva 2004/38/Ce inquadra la possibilità di allontanare un cittadino dell´Unione «entro limiti molto precisi». La direttiva, precisano i deputati, prevede tale facoltà per motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza o di sanità pubblica, che non possono essere invocati per fini economici. I provvedimenti, inoltre, devono essere proporzionati e fondati esclusivamente sul comportamento personale dell´individuo, sulla base di una valutazione della situazione personale dell´interessato. Questo deve poi essere informato in modo circostanziato e completo sui motivi del provvedimento, riportando l´indicazione dell´organo dinnanzi a cui può opporre ricorso. D´altra parte, le sanzioni previste dagli Stati membri devono essere effettive e proporzionate. La possibilità di allontanamento se il cittadino diventa un onere eccessivo per il sistema di assistenza sociale è subordinata a un esame approfondito del caso individuale e, in nessun caso, quest´unica condizione può giustificare l´allontanamento automatico. Il Parlamento ribadisce poi che «qualsiasi legislazione nazionale deve rispettare rigorosamente tali limiti e garanzie», mentre le espulsioni collettive «sono proibite dalla Carta dei diritti fondamentali dell´Unione europea e dalla Convenzione europea dei diritti dell´uomo». In proposito, insistendo sul fatto che «la responsabilità penale è sempre personale», respinge il principio della responsabilità collettiva e riafferma con forza la necessità di lottare contro qualsiasi forma di razzismo e xenofobia e qualsiasi forma di discriminazione e stigmatizzazione basate sulla nazionalità e sull´origine etnica, come previsto dalla Carta dei diritti fondamentali. Il Parlamento, precisa inoltre di aspettarsi dalle personalità pubbliche che si astengano da dichiarazioni «che rischiano di essere intese come un incoraggiamento alla stigmatizzazione di determinati gruppi di popolazione». […]