La comunità romena di Viterbo si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono a Viterbo e per tutti i viterbesi e gli stranieri della Provincia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e sentirsi partecipi alla vita della città.

Bun gasit pe site!

Benvenuto!

giovedì 29 maggio 2008

Il 1° giugno a Vetralla "La città a colori": Gheorghe Turda e Stefania Rares in concerto

Asociatia de voluntariat “Viterbo con Amore” Onlus impreuna cu Asociatia Romanilor din Italia ARI au placerea de a va invita la initiativa “La città a colori” care se fa desfasura la 1° iunie 2008 de la ora 10.00 la ora 23.00 in localitatea Vetralla (VT).
Vor participa complexiv 20 de asociatii, cu patrocinatul Primariei din Vetralla si Provincia di Viterbo, cu stand si spectacole culturale traditionale in toate pietele localitatii.
Comunitatea romaneasca din Provincia Viterbo va avea un spatiu expozitiv enogastronomic in Via della Pietà (Vetralla).
Va semnalam ca la ora 18,30 se va desfasura un concert de muzica populara romaneasca, interpretat de Gheorghe Turda si Stefania Rares.

Calendario Euro 2008


Europei 2008: ecco il calendario.

România renunţă la fumat sâmbătă


Persoanele care vor fi văzute că fumează sau că îşi cumpără ţigări vor fi "amendate" de tinerii din Asociaţia Studenţească AMICUS.

Organizaţia studenţilor va organiza un eveniment care face parte din campania naţională "Pe 31 mai România renunţă la fumat", desfăşurată împreună cu Asociaţia pentru Sănătate, Educaţie şi Familie în parteneriat cu Institutul de Sănătate Publică.

Potrivit unui comunicat emis de organizatori, ca "proces verbal de amendă" tinerii le vor oferi celor care îşi vor aprinde ţigări pe stradă câte un pliant prin care vor fi îndemnaţi să renunţe la fumat cel puţin pe data de 31 mai.

Până sâmbătă, voluntari ai campaniei vor distribui în licee, facultăţi, campusuri universitare, unităţi medicale şi locuri publice din toată ţara pliante conţinând îndemnul de a renunţa la fumat cel puţin pe data de 31 mai, iar ulterior, prin voluntarii Asociaţiei pentru Sănătate, Educaţie şi Familie, se vor distribui pliante de înscriere într-un Club de Renunţare la Fumat.

De asemenea, vor fi afişate 20.000 de postere pentru a marca acest eveniment, iar voluntarii vor fi îmbrăcaţi pe toată perioada campaniei în tricouri albe inscripţionate cu sloganul "Pe 31 mai România renunţă la fumat!".

Iniţiativa este urmarea campaniei "Pe 31 mai Braşovul renunţă la fumat", organizată anul trecut de către Asociaţia Studenţească AMiCUS, doar că în acest an ea are loc la nivel naţional, anunţă Rompres.

Citiţi şi "Românii fumează ca turcii"!
Fonte: Evz.ro

Roma: aggressione razzista a Kledi, ballerino albanese di «Amici»


Alemanno: «Esprimo la condanna per questo nuovo grave episodio di intolleranza»
Insultato e malmenato mentre si svolgeva un saggio nella sua scuola di danza
ROMA - Ancora un episodio di intolleranza e razzismo a Roma. Vittima questa volta il ballerino albanese Kadiu Kledi, volto della tv e idolo delle teenager. L'aggressione è avvenuta sull'Appia, dove Kledi assisteva nella sua scuola di danza al saggio di fine d'anno alla presenza dei famigliari degli aspiranti ballerini.
Kadiu Kledi (LaPresse)Improvvisamente, Kledi ha notato tra la folla due individui che riprendevano il palco con una videocamera. Avvicinatosi, ha chiesto spiegazioni. Uno dei due è subito fuggito mentre l'altro, un tipo corpulento, ha aggredito e strattonato Kledi, mettendogli le mani sul collo, esclamando: «Albanese di m...ti rimando in Albania». Sull'episodio sarebbero in corso accertamenti da parte delle forze dell'ordine. Il ballerino racconta così, al Tg5, quello che è avvenuto: «Stavo facendo il mio discorso di fine anno ai genitori degli allievi. Ho visto due, tre persone che stavano registrando con le telecamere, li ho fermati. Due sono scappati con la videocamera, mentre uno mi ha stretto una mano al collo sbattendomi sul tavolo della direzione e rivolgendomi frasi sulla mia origine albanese del tipo "Albanese di m...Ora ti rimando in Albania"».
ALEMANNO - «Esprimo la più ferma condanna per questo nuovo grave episodio di intolleranza e la mia piena solidarietà a un artista che arricchisce e rende onore alla nostra città» ha affermato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Credo - ha concluso Alemanno - sia venuto il momento di lanciare un appello congiunto da parte di tutti gli esponenti politici del centrodestra e del centrosinistra affinchè nella nostra cittá possa essere scongiurato ogni rischio di intolleranza e di violenza». [...]
28 maggio 2008
Fonte: Corriere della Sera.

Gioca Bimbo 0-3: aperte le iscrizioni


Sono aperte da oggi le iscrizioni al "Gioca bimbo 0-3", ovvero i Centri ricreativi estivi dedicati ai piccoli che hanno frequentato il nido comunale . I giovanissimi utenti del Nido possono così continuare la loro "avventura" formativa, sviluppando la creatività e lo spirito di aggregazione sotto l'attenta guida di personale specializzato e premuroso. Il Gioca Bimbo 0-3 si svolgerà per i mesi di luglio e agosto presso il Nido " I cuccioli", in Via S.M. in Volturno con turni che comprendono la mattina e, volendo, il pomeriggio fino alle 17,30. E' possibile scegliere tra turni di una o due settimane o tutto il mese. Le iscrizioni saranno raccolte fino al 20 giugno prossimo con le seguenti modalità: presso lo Sportello Famiglia , in via IV Novembre, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 ed il lunedì e giovedì anche dalle 15 alle 18; presso il nido "I cuccioli", il mercoledì dalle 12 alle 14 .

Ufficio stampa Politiche sociali Città di Viterbo

Compuneri şi desene rasiste la şcoală


de Anca Mihai ( 2008-05-29)

Copiii din Napoli sunt de acord cu alungarea ţiganilor din ... Elevii din Napoli: „Am făcut bine că i-am fugărit pe ţigani"
Elevilor de la o şcoală din Napoli li s-a propus recent, ca temă liberă, subiectul incendierii taberelor de ţigani din cartierul Ponticelli. O parte au scris compuneri, iar o parte au preferat să deseneze. „Eu cred că napoletanii au făcut bine că i-ai alungat pe ţigani, dar anuminte persoane nu cred asta", apare scris într-o compunere. Într-un desen, este reprezentat un grup de napoletani care aruncă un cocktail Molotov înspre o tabără, în timp ce scandează: „Plecaţi ţiganilor!"
Mulţi dintre elevi, cu vârste cuprinse între 9 şi 11 ani, admit că au aruncat cu sticle incendiare alături de părinţi.
La Napoli, ţiganii au intrat în conflict cu localnicii în urmă cu două săptămâni, după ce o ţigancă din tabăra Ponticelli a fost surprinsă în timp ce încerca să fure un nou-născut dintr-o locuinţă.



„Plecaţi, ţiganilor! La luptă”, a scris ... „Mesajul trebuie luat în serios"
„Cu toate că noi încercăm să le explicăm că violenţa nu trebuie repetată, aceşti copii primesc altfel de sfaturi din partea părinţilor. Mulţi dintre ei au fost implicaţi direct şi acest lucru a lăsat " afirmă Mariano Coppola, directorul adjunct al şcolii.
Dintre lucrările examinate, fetiţele s-au demonstrat a fi cele mai tolerante. „Rromii pot să rămână aici, dar trebuie să lucreze. Nu le cerem să facă munci extenuante, pot să supravieţuiască cu oricare îndeletnicire, atâta timp cât nu este ilegală", scrie Francesca. Preotul şcolii, Don Tonino Palmese, cunoaşte fiecare elev în parte şi tocmai de aceea compunerile lor trebuie luate în serios. „Este un semnal de alarmă care nu trebuie subevaluat şi care trebuie să ne pună pe gânduri" a afirmat preotul.
Evenimentele de la Napoli întăresc acuzaţiile de rasism
Amnesty International a prezentat recent raportul anual 2008, în care a avertizat Italia de rasism şi xenofobie. Daniela Carboni, preşedinta Biroului de Campanie şi Cercetare a forului, a atras atenţia că instituţiile internaţionale care apără drepturile omului s-au sesizat încă de la afirmaţiile lui Walter Veltroni după cazul „Reggiani".
Fostul primar al Romei a spus anul trecut, în noiembrie, că „înainte de intrarea României în UE, Roma era cea mai sigură capitală din lume". Tratarea cazului Mailat ca pe o „tendinţă spre violenţă a comunităţii româneşti" şi episoadele recente de la Napoli demonstrează „inclinarea italienilor spre xenofobie, atribuind unei întregi comunităţi responsabilitatea individuală", se arată în Raportul Amnesty 2008.




„Eu cred că napoletanii au făcut bine că i-ai ...
Sursa: Adevarul

Istat: l'Italia è un paese a crescita lenta


Il 2007 è stato un anno di rallentamento dell'economia

Secondo il 'Rapporto annuale' sul 2007 il 14,6% delle famiglie non riesce ad arrivare a fine mese e il 66,1% non mette da parte neppure un euro. Cresce l'immigrazione, mentre l'occupazione aumenta solo al Centro-Nord. Guarda il video

Roma, 28 mag. - (Adnkronos) - Un Paese in crescita lenta, rispetto alla media delle 'performance' internazionali per non parlare delle economie emergenti. E' questa l'analisi che si ricava dal "Rapporto annuale Istat" sulla situazione dell'Italia relativa al 2007, presentato dal presidente dell'Istituto nazionale di Statistica, Luigi Biggeri, nella Sala della Lupa di palazzo Montecitorio. Una fotografia scattata e riprodotta nel volume di 420 pagine, suddiviso in cinque capitoli dedicati alla congiuntura economica; al sistema delle imprese; all'evoluzione dei sistemi teritoriali; al mercato del lavoro e alle condizioni economiche delle famiglie; all'immigrazione.

I ricercatori mettono in evidenzia che l'anno trascorso -cui si riferiscono i dati statistici raccolti e analizzati- e' stato un anno di rallentamento dell'economia italiana, con un quarto trimestre con il segno negativo anche se poi appare compensato da un primo trimestre del 2008 in rialzo. A fronte di una crescita mondiale che ha viaggiato al ritmo sostenuto del 3,7% del prodotto ai prezzi di mercato e del 4,9% a parita' di potere d'acquisto, il pil in Italia e' cresciuto solo del 1,5% dato ancor piu' negativo rispetto al precedente pari al 1,8% e con un differenziale rispetto alla media europea nell'ordine di un punto percentuale.

CONSUMI - In questo contesto, la spesa per i consumi delle famiglie e' aumentata del 1,4%. Una dinamica positiva favorita da un incremento del reddito in termini reali dell'uno per cento oltre che da una maggiore propensione al consumo. E' rimasta invece moderata l'inflazione media annua, con un'accelerazione pero' a partire dalla scorsa estate dovuta soprattutto al rialzo dei prodotti delle materie prime. I prezzi al consumo sono cresciuti del 1,8% anche se il tasso di crescita tendenziale nell'ultimo trimestre e' salito al 2,4% e ha continuato a crescere fino al dato del 2,6% per l'inflazione acquisita per l'anno in corso, ad aprile 2008.

OCCUPAZIONE - Sul fronte dell'occupazione, la crescita ha riguardato esclusivamente le regioni del Centro-Nord mentre nel Sud il tasso e' rimasto stabile. E' salita l'incidenza dei lavoratori stranieri sul totale degli occupati, passata al 6,5% con la quota che si impenna al 8% nell'Italia settentrionale e centrale e scende al 3% nell'Italia meridionale. Quanto alla dinamica salariale, si e' attenuata passando per unita' di lavoro equivalenti a tempo pieno dal 3% del 2006 al 2,1% del 2007. E' aumentata invece di 1,2 punti percentuali la pressione fiscale, raggiungendo la media del 43,3%.

Il tasso di attivita' della popolazione italiana si attesta al 62,5% rispetto al dato europeo del 70,5% con divari ancora molto accentuati tra un Nord al 69,1% e un Sud al 52,5%. Prosegue, pero', il calo della disoccupazione secondo un trend che si registra oramai da almeno otto anni. Nel 2007, i senza lavoro sono stati poco piu' di un milione e mezzo. Ma attenzione: al calo della disoccupazione non si accompagna un parallelo aumento del tasso di occupazione ma un allargamento della inattivita', ovvero degli italiani, specie donne, che hanno rinunciato a cercare attivamente un lavoro.

IMPRESE - Per quel che riguarda il sistema delle imprese, "l'attuale crisi di produttivita' dell'economia italiana -si legge nel 'Rapporto Istat'- e' imputabile solo in minima parte all'effetto di riallocazione settoriale dell'occupazione. Ad incidere sono soprattutto altri elementi: il fattore lavoro legato alla diffusione di forme di lavoro piu' flessibili; la crescita dell'intensita' dei costi intermedi; la prevalenza di comportamenti di imprese volte a perseguire obiettivi di redditivita' piuttosto che di produttivita'".

IMPOVERIMENTO DELLE FAMIGLIE - Sul bilancio familiare gravano soprattutto i costi della casa: la spesa in media e' di 315 euro al mese pari al 14% del reddito che scende al 8,5% per le famiglie 'ricche' e sale al 31,1% per le famiglie 'povere'. Sono il 18,2% quelle che vivono in affitto, soprattutto nelle grandi citta', per una spesa media mensile di 340 euro. Il 13% sopporta gli oneri delle rate per il mutuo che ha consentito di acquistare un'abitazione di proprieta', in genere la prima casa dove si risiede. Inoltre, il 14,6% delle famiglie dichiara di avere molta difficolta' ad arrivare alla fine del mese, il 28,4% non riesce a far fronte a una spesa imprevista di circa 600 euro con risorse proprie o della rete familiare e il 66,1% dichiara di non essere riuscita a mettere da parte dei risparmi nell'ultimo anno.

IMMIGRAZIONE - Sul fronte immigrazione, infine, sono arrivati a quota 3,5 milioni i cittadini stranieri residenti in Italia pari al 5,8% del totale, secondo la stima alla fine del 2007, anno che ha fatto registrare un notevole aumento, della consistenza di 454.000 unita', con un record per i rumeni aumentati di 300.000 persone, seguiti da albanesi, marocchini, cinesi e ucraini: un totale che rappresenta il valore piu' alto finora registrato nel nostro Paese.
Fonte: Adnkronos Ign

În primul an de UE, 300.000 de români au plecat în Italia


de Anca Mihai ( 2008-05-29)

Numărul românilor rezidenţi în Italia a crescut cu 300.000 de persoane în 2007, relevă Raportul Anual al Institutului Naţional de Statistică al Italiei (ISTAT), prezentat ieri la Roma, în sala de conferinţe a Camerei Deputaţilor.
Potrivit ISTAT, numărul românilor rezidenţi în Peninsulă se ridică la 640.000. Dintre aceştia, cei mai mulţi se află în regiunea Lazio, în centrul ţarii. Acelaşi studiu subliniază că românii reprezintă comunitatea străinilor cu cel mai mare număr de căsătorii, mai mult cu aproape 41% faţă de restul emigraţilor. Numărul căsătoriilor a crescut simţitor după intrarea României în UE.
Din acelaşi raport, reiese că numărul străinilor intraţi legal în Italia în 2007 a atins cifra record de 454.000. "Potrivit datelor, de la 1 ianuarie 2008, numărul străinilor rezidenţi în Italia s-a ridicat la 3,5 milioane în 2007, adică 5,8 la sută din populaţia totală", a precizat Institutul italian de statistică. Această creştere a numărului de străini se datorează, în mare parte, imigraţiei: aproximativ 454.000 de persoane au intrat legal în 2007 pe teritoriul italian, reprezentând aproape dublul cifrei înregistrate în 2006. Numărul mare de intrări a fost determinat de „contorizarea" intrărilor românilor ca fiind intrări legale. Conform cifrelor avansate la începutul anului de Caritas - Organizaţia de caritate a Bisericii Catolice - fluxul imigraţional dinspre România nu a suferit o creştere raportat la anii trecuţi, ci dimpotrivă, a înregistrat o scădere.
Peste 89% dintre cetăţenii acuzaţi de crimă sunt italieni
La capitolul criminalitate, numărul străinilor cercetataţi pentru uciderea unui cetăţean italian a fost de 10,6%, ceea ce înseamnă că diferenţa este completată de italieni. Specialiştii anunţă că în comparaţie cu anii ’90 a scăzut numărul anumitor tipologii de infracţiuni, dar este în creştere numărul crimelor comise în familie. În ciuda acestor date, 34,6% dintre familiile de italieni au percepţia că trăiesc într-un cartier periculos.
Salariile din Italia, sub media salariilor Uniunii Europene
Un procentaj de 14,6% dintre familiile italienie a declarat pentru ISTAT că „trăiesc cu greu de la un salariu la altul". Mai mult de jumătate din populaţie nu reuşeşte să facă economii şi 13% are rate lunare de aproximativ 600 de euro pentru cumpărarea unei locuinţe. Scăderea producţiei în Italia a înjumătăţit veniturile, astfel încât în 2006 puterea de cumpărare a italienilor a scăzut cu 8 procente faţă de restul ţărilor europene.
Sursa: Adevarul.

Fiorentina: Il difensore sarà rumeno?


INDISCREZIONI DI FV
FIORENTINA, Il difensore centrale sarà rumeno?
28.05.2008
La Fiorentina è alla ricerca di un difensore centrale e Pantaleo Corvino potrebbe andare a "pescare" in Romania.
Molto interessante la coppia difensiva della Steaua Bucarest formata da Dorin Goian (classe '80) e Sorin Ghionea (classe '79).
Entrambi hanno esperienza di Champions League, sono nel giro della nazionale ed affronteranno l'Italia nel prossimo Campionato Europeo.

Per il ruolo di terzino sinistro un nome interessante è sicuramente quello di Iasmin Latovlevic, giocatore della Poli Timisoara (che la Fiorentina ha affrontato in amichevole lo scorso anno) e nazionale under 21.
Fonte: Firenze Viola.

România a câştigat locul trei la festivalul Blog the Theatre de la Graz


Piesa "Scent of a woman", prezentată de România la festivalul Blog the Theatre de la Graz, a câştigat locul trei în urma concursului la care au participat cinci ţări cu câte trei piese scrise după bloguri, anunţă Teatrul Bulandra, organizatorul concursului din România. Foto (1)
Vezi Galerie Articol
În urma concursului desfăşurat în perioada 21-23 mai la Graz, în Austria, în care au fost prezentate câte trei piese din Austria, Ungaria, Polonia, Italia şi România, au fost declarate câştigătoare piesele "We, the kids of the net" (Narodowy Stary Theatre din Cracovia - Polonia), "Insomnia 6 A.M. girl" (Teatro Garibaldi di Palermo - Italia), şi "Scent of a woman" (Teatrul Bulandra, Bucureşti - România).

Festivalul de la Graz reprezintă ultima fază a proiectului Blog the Theatre, iniţiat de teatrul austriac Schauspielhaus din Graz. În perioada 21 - 23 mai, Teatrul Bulandra a fost prezent la festival cu cele trei producţii având la bază blogurile româneşti selectate în luna ianuarie. Au fost prezentate pe scena teatrului de la Graz "Re:Re:Re: Hamlet" de Maria Manolescu, după blogurile Ozanessme şi Zuzu, "Buy me with a coffee", de Peca Ştefan, după blogurile Ozanessme, Kaiser Gogu şi Janie, şi "Scent of a woman" de Daniel Popa, după blogul Abjectu.

Spectacolul câştigător, din partea României, având la bază un text extrem de controversat (blogul Abjectu al lui Marius Florin Pescaru), ne plasează în lumea advertising-ului şi ridică întrebări precum: "Este totul de vânzare?'' "Există lucruri despre care putem vorbi şi lucruri despre care nu?", se arată în comunicatul din partea Teatrului Bulandra.

Proiectul Blog The Theatre a debutat cu formarea, în fiecare ţară participantă, a unei echipe de blogscouts. În prima fază a proiectului (octombrie - ianuarie 2007), aceştia au avut la dispoziţie patru luni pentru a monitoriza întreaga scenă a blogurilor locale, pentru a găsi şi a supune votului public bloguri cu potenţial dramatic.

Pe site-ul oficial www.blogtheatre.net, utilizatorii de internet au avut posibilitatea să urmărească blogurile postate de blogscouts, să le voteze, să le comenteze şi să vină cu noi propuneri.

Odată cu încheierea procesului de votare, la începutul lunii februarie, Teatrul Bulandra a organizat la Sala "Toma Caragiu" lecturi publice ale celor mai interesante texte de blog, facilitând astfel primul contact real al autorilor cu publicul.

Proiectul Blog The Theatre îşi propune să cerceteze felul în care simte şi gândeşte generaţia internetului din ţările partenere ale proiectului (Austria, Italia, Polonia, România, Ungaria) şi să investigheze locurile comune, diferenţele, pretenţiile, întrebările care există în diversele comunităţi din noua sferă europeană. Proiectul îndreaptă ochii publicului spre lumea virtuală a internetului şi integrează astfel un grup semnificativ mare de oameni interesaţi.
Sursa: NewsIn

Amnesty International: Rapporto annuale 2008


(28/05/08)
A 60 anni dall’adozione della Dichiarazione universale dei diritti umani, la tortura è ancora presenta in almeno 61 paesi, processi iniqui si celebrano in 54 paesi e in 77 Stati non è consentita la libera espressione delle proprie idee. A denunciarlo è il Rapporto annuale 2008 di Amnesty International presentato in Italia ieri. "Il 2007 – ha dichiarato Paolo Pobbiati, presidente della Sezione italiana di Amnesty International – è stato caratterizzato dall’impotenza dei governi occidentali e dall’ambiguità o riluttanza delle potenze emergenti rispetto ad alcune delle peggiori crisi dei diritti umani, come i conflitti in corso da decenni o la crescente ineguaglianza di cui fanno le spese milioni di persone". Nel corso della conferenza stampa, è stato dato spazio anche al caso Italia, un paese, secondo Amnesty, dove le istituzioni hanno legittimato un linguaggio razzista e discriminatorio.
Il nuovo Rapporto annuale di Amnesty International del 2008 mostra con tristezza i fallimenti dei leader mondiali nella tutela dei diritti umani e chiede che i governi si assumano l’impegno di cambiare rotta. "Le crisi dei diritti umani in Darfur, Zimbabwe, Gaza, Iraq e Myanmar richiedono un’azione immediata – ha dichiarato in occasione della presentazione del Rapporto, Paolo Pobbiati – l’ingiustizia, la disuguaglianza e l’impunità sono i tratti significativi del mondo di oggi. I governi devono agire subito, per colmare il divario crescente tra ciò in cui si impegnano e quello che fanno". L'appello è rivolto ai paesi occidentali: Amnesty chiede agli Stati Uniti di chiudere Guantanamo e tutte le strutture detentive segrete, di processare i prigionieri secondo procedure eque oppure rilasciarli e respingere l’uso della tortura e dei maltrattamenti. Mentre all’Unione Europea chiede di indagare sulla complicità dei suoi stati membri nelle rendition di sospetti terroristi e pretendere dai paesi membri il medesimo rispetto dei diritti umani che chiede agli altri stati del mondo. L’organizzazione per i diritti umani si rivolge anche ai paesi emergenti come la Cina che dovrà rispettare gli impegni assunti in occasione dell’assegnazione delle Olimpiadi, consentendo piena libertà d’espressione e di stampa e ponendo fine alla rieducazione attraverso il lavoro. Alla Russia Amnesty chiede, invece, maggiore tolleranza verso il dissenso politico e nessuna indulgenza per le violazioni dei diritti umani in Cecenia. In occasione della presentazione del Rapporto 2008, è stato dato spazio all’analisi della situazione italiana. L'accusa più dura di Daniela Carboni, direttrice dell’Ufficio campagne e ricerca della Sezione italiana di AI, va alle istituzioni e a tutti gli schieramenti politici responsabili di aver dato legittimazione ad un linguaggio razzista. Di questo linguaggio ne sono state un'ulteriore dimostrazione le dichiarazioni stigmatizzanti ai danni di gruppi di persone sulla base della nazionalità o appartenenza etnica che, nei giorni scorsi, hanno accompagnato la discussione dei provvedimenti del pacchetto sicurezza. Daniela Carboni è stata molto chiara: "Il pacchetto sicurezza viola gli standard internazionali dei diritti umani". Tra le misure citate nel corso della conferenza stampa quella che colpisce i rifugiati. Con amarezza, Carboni ha ricordato che solo all’inizio del 2008 era stato ottenuto un risultato positivo in termini di rispetto degli standard internazionali dei diritti umani, ovvero l’effetto sospensivo dell’espulsione di un richiedente asilo durante il ricorso. Tale miglioramento, con le nuove misure adottate dal Consiglio dei ministri, sarà abrogato facendo precipitare il richiedente asilo di nuovo nella irregolarità. Di fronte alla negazione dei diritti a specifici gruppi di popolazione, ha detto Carboni , "per contrasto le istituzioni italiane non sentono l’urgenza di introdurre misure efficaci contro la tortura né fermare le esportazioni di armi verso paesi in cui vi sono bambini soldato". Infine, un accenno agli accordi bilaterali segreti tra Italia e Libia. "Cosa ha chiesto l’Italia alla Libia in materia di diritti umani?", domanda Amnesty International. E ancora: "Cosa succede ai migranti quando vengono fermati dalle forze di sicurezza libiche nei pattugliamenti lungo le coste finanziati con i soldi pubblici italiani?".

Italia: dalle associazioni romene lettera a Napolitano


27/05/2008
I rappresentanti delle varie Associazioni e Chiese romene presenti in Italia hanno inviato un messaggio al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
I rappresentanti delle varie Associazioni e Chiese romene presenti in Italia, al termine del primo Forum, che si è svolto a Milano il 24 e 25 maggio alla presenza del rappresentante del Presidente della Romania Trainan Basescu, del Segretario di Stato Mihai Gheorghiu, dell'Ambasciatore di Romania in Italia Razvan Victor Rusu, del Console generale Tiberiu Mugurel Dinu, e delle autorità governative romene e italiane, hanno inviato un messaggio al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
"Ci sono sempre presenti le Sue parole dell'autunno 2007, quando apprezzò la presenza della comunità romena nella Penisola come una fonte di ricchezza per l'economia italiana. Tale espressione ha rispecchiato il valore umano e lavorativo della maggior parte della nostra realtà. Riuniti a Milano, una volta capitale dell'Impero Romano, ribadiamo il nostro desiderio di contribuire allo sviluppo e alla serenità dell'Italia, Paese al quale siamo uniti da antichi vincoli culturali e spirituali. I singoli atti antisociali non devono mai essere attribuiti ad un'intera comunità. Siamo tutti d'accordo che per integrazione si intende il rispetto delle leggi e delle tradizioni dello Stato che ci ospita. La delinquenza deve essere combattuta ed eliminata in quanto è e sarà una piaga per l'intera società umana. I nostri antichi e forti legami di popoli neolatini non potranno mai essere messi sotto l'ombra della cronoca nera. Sono tanti i nostri connazionali, siano essi ricercatori, medici, imprenditori, infermiere, semplici muratori o badanti, che apportano un valore aggiunto all'economia e allo sviluppo dell'Italia, nonchè sono un reale elemento di coesione tra i nostri due Stati. Confidando nella Sua simpatia, ribadiamo la nostra stima e lealtà nei confronti dello Stato italiano e del Suo rappresentante. Ringraziando per la Sua fiducia, gradisca Signor Presidente delle Repubblica, i nostri sensi di profonda considerazione".
Hanno firmato la lettera, condivisa dalle Associazioni e dai partecipanti al Forum, l'Associazione "Vocea Romanilor" Roma presidente Iulian Manta, "Diaspora romana" Latina presidente Costantin Ciltea, "Imprenditori romeni in Italia" Milano presidente Ciprian Manoliu, "Spirit romanesc" Roma Roma presidente Dana Mihalache, "Fratia" Torino presiente Aurelia Mirita, "Nicolae Balcescu" Palermo presidente Crina Suceveanu, "Romeni in Italia" Milano Romulus Popescu, Lega dei Romeni in Italia presidente Marian Mocanu.
Fonte: Vita.

Volantino xenofobo in fabbrica: crisi diplomatica con la Romania


Crisi diplomatica fra Italia e Romania, dopo il volantino a sfondo razzista appeso nella bacheca dell’azienda Nardi Interni di Pieve di Soligo. L’ambasciata rumena a Roma si è rivolta sia al prefetto di Treviso che ai ministri degli Esteri e dell’Interno. Un comunicato del ministero degli Esteri di Bucarest rileva che «il cartello è anonimo e contiene espressioni ingiuriose».
Crisi diplomatica tra Italia e Romania dopo il volantino a sfondo razzista appeso nella bacheca dell'azienda Nardi Interni di Pieve di Soligo.
Il caso era stato segnalato al prefetto di Treviso, Capocelli, dal segretario della Cgil Paolino Barbieri (nella foto).
L'ambasciata rumena a Roma ha chiesto alle autorità italiane quali «misure» intendono prendere per «individuare e punire» coloro che hanno affisso il cartello. Ma non basta: chiedono anche quali provvedimenti intendano assumere per «prevenire simili casi in futuro».
L'ambasciata rumena ha chiesto chiarimenti sull'episodio accaduto alla Nardi Interni sia al prefetto di Treviso che ai ministri degli Esteri e degli Interni.
Un comunicato del ministero degli Esteri di Bucarest rileva che «il cartello è anonimo e contiene espressioni ingiuriose ed esortazioni all'allontanamento dall'Italia di cittadini di altri stati, inclusi quelli dell'Ue, come la Romania».
La nota precisa inoltre che «gli addetti agli affari interni romeni di Roma e Milano hanno stabilito dei contatti con la polizia di Treviso e Roma, ed il Consolato generale romeno a Milano è stato incaricato di mantenere i contatti con le autorità italiane per chiarire il caso».
Infine: il ministero degli esteri romeno «condanna con fermezza qualsiasi manifestazione xenofoba e razzista, nella convinzione che le autorità italiane prenderanno le misure richieste da questa situazione». Il ministero degli Esteri di Bucarest e l'ambasciata di Romania a Roma sono ora in attesa di risposte da parte delle autorità italiane.
(26 maggio 2008)
Fonte: La Tribuna di Treviso.

martedì 27 maggio 2008

Schimbare de atitudine în Italia. Politicienii acuză "vânătoarea de imigranţi"


Atacurile xenofobe din Italia împotriva imigranţilor ilegali au fost sever condamnate de oamenii politici de toate orientările, dar şi de mulţi locuitori. Luni, la Roma, peste 1.000 de localnici de diferite naţionalităţi au manifestat pentru solidaritate cu victimele rasismului. Asta după ce, sâmbătă seara, într-un cartier de la periferia Romei trei magazine ale unor imigranţi din India şi Bangladesh au fost devastate de o bandă de indivizi mascaţi şi înarmaţi cu bâte.În cartier locuiesc atât italieni, cât şi străini şi toţi s-au înţeles foarte bine până acum. La manifestaţia de luni, militanţii stângii se aflau în primele rânduri. Socialiştii, învinşi în recentele alegeri, au denunţat ceea ce au numit „vânătoarea de imigranţi care este începutul barbariei şi intoleranţei”. Noul primar de dreapta al Romei a condamnat şi el devastarea magazinelor, după ce, în campania electorală, îi prezentase pe imigranţi drept una din principalele surse ale delincvenţei din Italia.
Antena 3
Adăugat: 27 mai 2008

Euro 2008: Chivu, no a superpremio


Capitano Romania, 'non serve, siamo fieri di vestire maglia'

26 maggio 2008
Il capitano della nazionale romena Christian Chivu dice no al superpremio promesso in caso di vittoria agli Europei. Il presidente della Steaua Bucarest Gigi Becali si era offerto di pagare 5,5 mln di euro per il successo finale o mezzo milione per il passaggio del 1/o turno.
'Non c'e' bisogno di promettere i soldi. Siamo fieri di vestire la maglia della nazionale, siamo fieri di rappresentare il nostro paese', dice l'interista. Dello stesso parere il viola Adrian Mutu.
Fonte: Rai Sport.

Elveţia a semnat protocolul de extindere a liberei circulaţii pentru România şi Bulgaria


Veşti bune pentru românii care vor să călătorească în Elveţia. Autorităţile de la Berna au semnat cu Uniunea Europeană protocolul de extindere a liberei circulaţii pentru România şi Bulgaria. Acordul de la Bruxelles intervine în contextul în care Parlamentul de la Berna începe, miercuri, dezbaterile privind libera circulaţie. În urma discuţiilor, se va stabili dacă prelungirea acordului şi extinderea la România şi Bulgaria vor fi stipulate într-un singur document federal.
Antena3.ro
Adăugat: 27 mai 2008

La Cassazione: servono più garanzie per il rimpatrio di minori rumeni


ROMA (26 maggio) - Servono più garanzie per il rimpatrio di minori rumeni. Lo ha stabiito la Cassazione, che ha bloccato l'estradizione verso la Romania - dove era stato spiccato un mandato d'arresto europeo - di una minorenne condannata nel suo paese a due anni di reclusione per furti continuati ai danni di alcuni esercizi commerciali.

In questo modo la Cassazione ha sconfessato precedenti decisioni nelle quali aveva stabilito che sull'estradizione, dato che si tratta di un giudizio "tecnico-giuridico", non erano necessari giudici specializzati in caso di minori. «Al contrario - dicono oggi i supremi giudici - anche in materia estradizionale, trattandosi di minori, l'autorità giudiziaria italiana ha il dovere di svolgere accertamenti sulla esistenza di istituti dello stato richiedente che assicurino una specifica tutela della condizione dell'imputato minorenne, anche sotto il profilo della valutazione della sua imputabilità».

Secondo i supremi giudici infatti per dare il via libera al rimpatrio di persone minori deve essere provato che, nel loro paese di origine, il processo si è svolto con una indagine «sulla personalità e maturità» degli adolescenti rinviati a giudizio. La Suprema Corte ha inoltre affermato che - contrariamente a quanto è sempre avvenuto fino ad ora - le corti d'appello non potranno più occuparsi di estradizione di minori, ma servono degli appositi giudici minorili perché gli adolescenti necessitano di una «specifica tutela anche sotto il profilo della valutazione della loro imputabilità».

Con questa decisione la Sesta Sezione Penale della Cassazione - con la sentenza 21005 - ha annullato la sentenza con la quale la Corte d'Appello di Roma, lo scorso 24 aprile, aveva disposto la consegna di una rumena di 19 anni nei confronti della quale il tribunale di Craiova aveva emesso, lo scorso 14 febbraio, un mandato di arresto europeo fondato sulla sentenza di condanna, definitiva, a due anni di reclusione pronunciata il 21 dicembre 2006.

Tra il settembre e l'ottobre 2003, la ragazzina era stata sorpresa a rubare in alcuni negozi. Poco dopo, con la sua famiglia, si era data alla fuga in Italia dove è stata fermata, lo scorso 12 febbraio, a Roma e condotta nel carcere di Rebibbia. L'arresto veniva convalidato dal presidente della Corte d'Appello di Roma per quanto riguarda il Mae. La ragazza, inoltre, è stata arrestata anche per altri reati commessi in Italia.

Contro il rimpatrio la sua difesa ha fatto breccia in Cassazione. Qui la ragazza ha sostenuto che i furti li aveva commessi a 14 anni e che era stata costretta a commetterli dal padre e che il processo si era svolto in sua assenza essendosi lei trasferita in Italia. La Suprema Corte gli ha dato ragione dal momento che non era stata acquisita alcuna prova o perizia sull'accertamento della sua maturità psichica.

Alla Corte d'Appello di Roma la Cassazione rimprovera di non aver chiesto all'autorità rumena «alcun atto» dal quale si possa accertare la «capacità di discernimento» della minore all'epoca dei fatti. Per gli ermellini questo accertamento è «un presupposto imprescindibile "ai fini dell'accoglimento della domanda di consegna". Nel disporre la liberazione della ragazzina rumena - se non detenuta per altra causa - la Suprema Corte avverte il presidente della Corte d'Appello di affidare questo fascicolo alla Sezione per i Minorenni.
Fonte: Il Messaggero.

Bugie e mezze verità


Sul tema della sicurezza la stampa deve avere il coraggio di raccontare la realtà. E non diventare il megafono delle paure degli italiani, scrive Gabriela Preda.
L'altro giorno, nel mezzo di un'intervista, ho cominciato a balbettare. Mi hanno mandato in tilt due semplici domande che mi ha fatto il commissario europeo Leonard Orban, il primo rumeno a far parte della Commissione da quando Bucarest è entrata nell'Unione europea. "Come si vive in realtà in Italia?", mi ha chiesto. "Quali sono i motivi di disagio più comuni, al di là di quelli legati all'immigrazione?".
Cosa dovevo rispondergli? Che una parte di questo paese, il cui patrimonio artistico è invidiato da tutto il mondo, vive nell'immondizia da anni? Che uno scrittore come Roberto Saviano rischia la vita per aver puntato il dito contro l'economia sommersa gestita dalla camorra? Che molti dei buoni cristiani italiani, che la domenica in chiesa raccolgono le offerte per i bambini africani, hanno una paura irrazionale degli immigrati? Dovevo ammettere che gli italiani temono gli stranieri più della mafia o della camorra, anche se spesso sono proprio gli stranieri clandestini ad accudire i loro anziani e i loro figli? Che i lavoratori immigrati contribuiscono al nove per cento del pil del paese, ma che c'è anche chi mendica o ruba perché sa che se viene arrestato se la caverà con poco? Dovevo spiegare che i rom sono percepiti come il capro espiatorio di tutti i mali del paese?
Che la recente vicenda di una donna rumena stuprata da un italiano è finita tra le brevi dei quotidiani, mentre quando i responsabili sono stranieri la notizia merita la prima pagina? Non mi era mai capitato di trovarmi a balbettare durante un'intervista. Ho capito di avere le idee più confuse che mai. Ho la sensazione che, a causa del ritmo forsennato con cui si sovrappongono le notizie, spesso anch'io vengo travolta dalle mezze verità pubblicate dai giornali.
Così mi perdo in un pericoloso gioco di specchi, tra le contraddizioni tragicomiche alimentate dalla politica, che sembra dimenticare come sia impossibile fare integrazione ricorrendo solo ai numeri e vivere isolati in un mondo sempre più globalizzato. Se accetta di far parte di questo gioco, la stampa rischia di diventare uno strumento di propaganda della xenofobia, manipolata da chi vuole nascondere i problemi del paese e continuare a fare indisturbato i propri interessi. Come la criminalità organizzata.
I giornalisti devono essere coerenti, oggettivi e usare un linguaggio distaccato: è una regola basilare. Sono gli unici accorgimenti che permettono di fare questo lavoro senza diventare una macchina priva di scrupoli. Invece, i messaggi sulla sicurezza e sull'immigrazione (fenomeno che va senza dubbio controllato) rischiano di sfociare in un'isteria collettiva. Ormai nessuno fa più distinzione tra i vari tipi di delinquenza, tra piccoli episodi e grande criminalità.
Eppure si tratta di fenomeni diversi, e raccontarli con poca chiarezza rischia di frantumare ancora di più un paese già diviso, di spingerlo a chiudersi tra le sue paure e a nascondere i suoi problemi. Come ci insegna la storia, in una situazione di crisi la ripetizione ossessiva di mezze verità o di bugie può modificare la percezione della realtà e creare dei mostri.
Gabriela Preda è corrispondente della televisione rumena Prima tv e collaboratrice di vari giornali italiani ed europei.
Fonte: Internazionale.

lunedì 26 maggio 2008

VT: Le mamme scelgono il consultorio


Viterbo - Seguite 112 gravidanze dall'inizio dell'anno

26 maggio 2008
Copyright Tusciaweb- Avere sempre qualcuno competente in grado di dare una risposta ai propri quesiti. Un’assistenza continuata e qualificata, unita alla certezza di poter istaurare un rapporto confidenziale e caloroso con il proprio interlocutore.
E, cosa di non poco conto, entrare in una struttura che non rimanda assolutamente al concetto di patologia.
Sono questi solo alcuni dei motivi che stanno spingendo sempre più donne residenti nella Provincia di Viterbo a servirsi dell’ambulatorio ostetrico del Consultorio familiare di via Cardarelli.
Un servizio che si occupa di fornire qualsiasi tipo si assistenza alle gravidanze fisiologiche (quelle che non presentano complicazioni), dal test iniziale fino alla prenotazione della cardiotocografia prossima al lieto evento.
Dal lunedì al venerdì, cinque ostetriche e due medici sono completamente e gratuitamente a disposizione di splendide donne col pancione per fornire loro qualsiasi tipo di consulenza. Fosse anche un semplice consiglio sul tipo di alimentazione da seguire. Le utenti, in pratica, vengono prese in carico per tutti i nove mesi che precedono la nascita nei quali viene garantito loro, tra l’altro, una consulenza ostetrica costante, delle regolari visite di controllo, le prescrizioni per gli esami ematici, la prenotazione della ecografia del primo trimestre.
I numeri parlano chiaro. Da quando l’ambulatorio è stato creato nel 2006, l’attività svolta dagli operatori coinvolti è cresciuta sensibilmente.
Dopo un primo anno di rodaggio, infatti, si è passati ai 133 casi seguiti nel 2007 e alle 114 gravidanze assistite nei soli primi 4 mesi del 2008. Inizialmente - e rimane ancora oggi - l’obiettivo principale per il quale si è deciso di istituire l’ambulatorio è stato quello di poter raggiungere e affiancare le donne straniere in attesa di un bambino. Soprattutto coloro che non sono in possesso di un documento di soggiorno e, dunque, irregolari.
“Obiettivo centrato – spiega l’ostetrica Eleonora Faccenda -. In questi ultimi due anni si sono rivolte a noi donne provenienti da quasi tutte le nazioni africane e del Medio Oriente, molte del Sud America e, finalmente, anche qualcuna proveniente dall’Estremo Oriente. La maggior parte delle donne straniere che vengono al Consultorio, tuttavia, è di nazionalità rumena e albanese”.
Grazie a questa presenza qualificata sul territorio, ora, dunque, c’è un punto di riferimento per coloro che stanno per dare alla luce a un bambino lontano dalla terra d’origine e, magari, in un momento di oggettiva difficoltà.
Ma c’è un’altra piacevole novità:
“Con nostra graditissima sorpresa – rivela Eleonora Faccenda – ci siamo accorti che stanno aumentando notevolmente anche le donne italiane che si rivolgono all’ambulatorio ostetrico. E parlo anche di persone con un livello di scolarità molto alto. Un incremento, per certi versi, incredibile che si è ripercosso sulle altre attività svolte nel Consultorio. Facciamo, ad esempio, molte più visite ginecologiche. Tutto questo non può che renderci orgogliosi.
Voglio ringraziare, anche i risultati raggiunti, tutte le colleghe con le quali condivido, gomito a gomito, questa esperienza entusiasmante e che credono come me nella bontà del percorso che abbiamo intrapreso”.
Per chiedere un appuntamento con gli operatori sanitari dell’ambulatorio ostetrico è possibile telefonare al numero 0761 – 244239.
Fonte: Tusciaweb

Maroni: "Niente carcere per i clandestini che sono già in Italia"


"Il reato di clandestinità non sarà retroattivo"
ROMA, 24 maggio 2008 - "Il reato di clandestinità non è retroattivo. Non è che si mette in galera mezzo milione di clandestini perché si trovano in Italia al momento dell'entrata in vigore della norma". Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni. Maroni ha spiegato che l'espulsione del clandestino è prevista dopo il primo grado di giudizio e che è previsto che lo straniero espulso torni in Italia per esporsi agli altri gradi di giudizio. "Chi è in Italia irregolarmente da prima dell'entrata in vigore del reato verrà espulso - ha sottolineato il ministro - ma non subirà le conseguenze di chi invece entrerà all'interno dei nostri confini senza averne titolo dopo l'introduzione nel Codice della fattispecie di reato". Sul tema immigrazione è intervenuto oggi anche Bossi che si è detto contrario alla proposta di voto per gli immigrati. Prevedete la possibilità di far votare gli stranieri? "Io penso di no, questa è casa nostra, decidiamo noi e non gli altri" - ha affermato il senatur.
Fonte: Stranieri in Italia

Ambasada României cere lămuriri despre “sezonul de vânătoare la români”


de Cornel Toma (2008-05-26)

Ambasada României la Roma, a cerut explicaţii autorităţilor italiene, referitoare la anunţul pus la avizierul unei fabrici de lângă Veneţia, care anunţa deschiderea sezonului la vânătoarea de români. Potrivit ANSA, autorităţile române au cerut lămuriri ministerului de Interne italian, atât despre mersul anchetei, cât şi despre măsurile care vor fi luate în viitor pentru a preveni astfel de acţiuni.
Sursa: Adevarul.

sabato 24 maggio 2008

Pistoia, rumena salva la vita a 4 italiani donando gli organi

Friday 23 May 2008
Pistoia - Proprio mentre l’Italia è al centro di critiche da parte dei partner europei circa le disposizioni che il governo intende adottare in materia di immigrazione soprattutto dalla Romania, in Toscana, a Pistoia, si registra il grande gesto d’amore e di generosità di Rodica, una donna rumena di 49 anni che ha donato reni, fegato e cornee salvando la vita di quattro italiani.
Fonte: Radio Nostalgia Toscana.

Il "Pacchetto sicurezza"


Due mesi di tempo per rendere operative le nuove norme sulla sicurezza. Con il Consiglio dei ministri che si è tenuto a Napoli il 21 maggio, il pacchetto sicurezza ha ottenuto il via libera. Inserito in un disegno di legge il reato di immigrazione clandestina e decisa l'assunzione di quasi 4.000 unità per le forze dell'ordine.
Il pacchetto sicurezza è composto da un decreto legge, un disegno di legge e tre decreti legislativi.
Il decreto legge, che avrà effetto immediato con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, reca misure urgenti in materia di sicurezza pubblica prevede nuove norme per contrastare l’immigrazione clandestina. Sono ampliati i casi di espulsione su ordine del giudice, in caso di condanna penale, e prevista analoga misura per i cittadini comunitari. Inoltre pene più severe per chi guida in stato di ebbrezza e nuovi poteri ai sindaci, che potranno adottare provvedimenti urgenti nei casi in cui si renda necessario prevenire ed eliminare gravi pericoli, non solo per l'incolumità pubblica, ma anche per la sicurezza urbana. Vita dura anche per chi specula sulla realtà dell’immigrazione in Italia: prevista la confisca degli appartamenti affittati agli irregolari. Rafforzata la cooperazione tra la polizia municipale e le forze dell'ordine e ampliate le fattispecie penali perseguibili con il rito del giudizio direttissimo e con quello del giudizio immediato.
Il disegno di legge sulla sicurezza pubblica, infine, mira a rendere più incisiva ed efficace l'azione di prevenzione e contrasto dello Stato alle molteplici manifestazioni di criminalità mediante l'introduzione di norme che disciplinano e sanzionano più rigidamente fattispecie di reato già esistenti o introducendo nuove previsioni normative.
I tre decreti legislativi sono dedicati ai ricongiungimenti familiari dei cittadini stranieri, al riconoscimento e la revoca dello status di rifugiato e alla libera circolazione dei cittadini comunitari.
Il pacchetto è completato da una dichiarazione di stato d’emergenza che consente di fare fronte con rapidità alla situazione di estrema criticità che si è determinata in Campania, in Lombardia e nel Lazio per la presenza di numerosi cittadini extracomunitari irregolari e nomadi stabilmente insediati in talune aree.
Infine, il Consiglio dei ministri ha approvato un ulteriore disegno di legge in materia di cooperazione transfrontaliera a fini di contrasto del terrorismo, della criminalità transfrontaliera e della migrazione illegale, con il quale l'Italia aderisce al Trattato di Prüm che istituisce la "banca dati nazionale del DNA".
Link:
Trattato di Prum
Comunicati stampa
Il Consiglio dei Ministri del 21/05/08
Audiovisivi
Conferenza stampa del 21/05/08
Documenti
Decreto legge misure urgenti in materia di sicurezza pubblica
Disegno di legge in materia di sicurezza pubblica
Decreto legislativo ricongiungimenti familiare dei cittadini stranieri
Decreto legislativo riconoscimento e revoca dello Status di rifugiato
Decreto legislativo in materia di libera circolazione dei cittadini comunitari
Fonte: Consiglio dei Ministri e Ministero dell'Interno

Immigrazione: i romeni in Spagna guadagnano di più che in Italia


INTERNAZIONALE
23/5/2008 - LO STUDIO DI UN QUOTIDIANO

Una ricerca comparata mette a confronto redditi e grado di soddisfazione
I romeni che vivono in Spagna sono più contenti dei loro connazionali che vivono in Italia: è quanto emerge da un sondaggio realizzato lo scorso febbraio nella comunità romena di Spagna dall’Agenzia per le strategie governative di Bucarest, che completa uno studio analogo condotto alla fine del 2007 in Italia.
Citando i due studi, il quotidiano Evenimentul zilei scrive oggi che i romeni guadagnano in Spagna circa 1.230 euro al mese, 200 in più che i connazionali in Italia. Prima di partire, i romeni emigrati in Spagna guadagnavano in Romania 175 euro al mese, mentre quelli emigrati in Italia ne guadagnavano 140. Lo studio rileva che il 14% dei romeni in Spagna possiede una casa, rispetto all’8% in Italia.
In Spagna, inoltre, gli emigrati romeni hanno un profilo imprenditoriale più accentuato: il 34% dei romeni che vivono nella Penisola iberica sono interessati ad avviare una attività in proprio, rispetto al 24% di quelli che si sono trasferiti in Italia. Il 67% dei romeni in Spagna lavorerebbe di più per guadagnare meglio, rispetto al 50% in Italia, ma tornerebbe a casa per uno stipendio di 1.200 euro.
Attualmente lo stipendio minimo in Romania si aggira sui 140 euro. La maggioranza degli immigranti romeni nei due Paesi sono di etnia romena, con una incidenza maggiore di connazionali di etnia rom in Italia che in Spagna: 5% contro 1%. Attualmente in Spagna vivono circa 500.000 regolari, ma - come in Italia, dove, secondo Caritas Migrantes, ce ne sarebbero circa 550.000 - il loro numero è sicuramente più alto. Nel 2007 le rimesse dei romeni alle famiglie in patria sono ammontate a circa sette miliardi di euro. www.evz.ro/
Fonte: LA STAMPA

Cristi Chivu: Nu plec de la Inter Milano!


Cristi Chivu, căpitanul naţionalei de fotbal a României, a ţinut să dezmintă absolut toate zvonurile care îl dădeau ca şi transferat la o altă echipă de club. Fundaşul a declarat că va rămâne la Inter Milano, cu toate că pe urma sa sunt mai multe echipe de top din Europa, printre care şi Barcelona.
Zvonuri despre transfer? Nu am auzit şi nu am citit nicăieri despre aşa ceva, nici măcar din greşeală. Sunt jucătorul lui Inter Milano şi mă bucur că fac parte dintr-un asemenea club, chiar sunt mândru de asta”, a declarat Chivu. Internaţionalul român câştigă acum puţin mai bine de patru milioane de euro pe sezon, motiv suficient pentru a se opune unui eventual transfer, fie el şi la o grupare mai galonată. Şi nici Inter Milano nu ar fi prea încântată să îi dea drumul fundaşului la altă echipă, după ce Chivu a demonstrat că e de netrecut până şi în partidele jucate cu umărul accidentat.
Sursa: Antena3 sport.

Euro 2008, che premio per la Romania di Mutu!

Nazionale - 23/05/2008

Il presidente dello Steaua Bucarest Gigi Becali ha promesso alla Nazionale rumena una ricompensa di 5 milioni e mezzo di euro in caso di vittoria agli Europei del prossimo giugno. Se la Romania di Mutu (nel gruppo C assieme ad Olanda, Francia e Italia) passerà la fase a gironi riceverà 500.000 euro, mentre se si qualificherà alla finale avrà in premio 2 milioni.
Fonte: ViolaNews.

O italiancă de 75 de ani a transformat în sclavă o româncă


DRAMĂ Carabinierii au fost alertaţi de conaţionalii femeii în vârstă de 54 de ani
O italiancă de 75 de ani a transformat în sclavă o româncă - VIDEO
24 MAI 2008
Ameninţată, sechestrată şi abuzată în subsolul casei din regiunea Milano, ea a fost salvată de carabinieri
Consulatul de la Milano era ocupat cu organizarea unui forum şi a aflat de la ziaristul de la Gândul despre incredibilul caz petrecut joi

"O bătrână din nordul Italiei şi-a redus practic la sclavie îngrijitoarea româncă, care a fost eliberată în cele din urmă de forţele de ordine", relata ieri agenţia italiană de presă ANSA, citată de Rompres. Potrivit presei italiene, cea care o angajase pe româncă, o pensionară de 75 de ani, o obliga pe aceasta să locuiască într-un subsol, îi dădea foarte puţină mâncare şi îi permitea să facă baie, numai cu apă rece, doar o dată pe lună. Mai mult, bătrâna montase camere de filmat la uşile din casă pentru a-i controla mişcările şi nu o lăsa să iasă din casă cu nici un chip. Potrivit publicaţiei Il Giorno, bătrâna nu i-a făcut acte şi nici nu a plătit-o vreodată pe românca în vârstă de 54 de ani, văduvă şi mamă a doi copii, care venise în Italia de aproximativ un an.
La reclamaţiile altor români, conaţionali ai femeii care nu mai ştiau nimic de aceasta de câteva săptămâni, carabinierii s-au deplasat la locuinţa bătrânei şi au eliberat-o pe “sclava” îngrijitoare. Carabinienii au arestat-o la domiciliu pe bătrână şi au povestit că au avut impresia că se găsesc în faţa “unui amestec de răutate, ignoranţă şi rasism”, notează Il Giornale. Femeia le-a povestit că era mereu ameninţată că va fi denunţată ca fiind “clandestină” şi expulzată din Italia, ea neştiind că este cetăţean comunitar, după intrarea României în Uniunea Europeană, notează şi Corriere della Sera. Drama româncei s-a întâmplat la Lainate, un mic orăşel la nord de capitala lombardă, Milano, precizează ANSA.

AUTORITĂŢILE, ALERTATE DE GÂNDUL
Consulatul român din Milano nu ştia, vineri după-amiază, despre păţania româncei, salvată joi de carabinieri. Secretara instituţiei a precizat suprinsă că, în pofida faptului că pe la dânsa trec toate “comunicările” (fax, telefon etc.), nu a primit această informaţie. În plus, a povestit că toţi angajaţii Consulatului sunt ocupaţi cu organizarea unui forum care începe mâine, a adăugat aceasta. Ofiţerul de serviciu de la Consulat a aflat şi el de la Gândul că o româncă a fost făcută sclavă în regiunea Milano şi a dorit să verifice “informaţia” cu propriii ochi pe pagina online a Rompres.
Din motive de “infrastructură” însă, nu a reuşit să vizualizeze ştirea în timp util, pentru că Rompres-ul (agenţia naţională de ştiri – n.r.) poate fi accesat doar dintr-un singur birou şi cu parolă. Ne-a cerut să revenim în decurs de două ore cu încă un telefon, această perioadă fiind necesară atât pentru “verificarea” ştirii, cât şi pentru alertarea ataşatului de interne, care ar trebui să ia legătura cu autorităţile italiene pentru a da de urma româncei.
La ora 19, noul purtător de cuvânt al Ministerului de Externe, Cosmin Boiangiu, ne-a cerut – tot telefonic - un răgaz de o oră pentru a putea vorbi la Consulatul de la Milano în legătură cu situaţia creată la Lainate. O oră mai târziu, oficialii români de la Milano fuseseră solicitaţi să ia măsuri urgente să se informeze la autorităţile române în legătură cu soarta româncei.
UPDATE:Autorităţile române s-au mobilizat abia spre seară. Potrivit purtătorului de cuvânt al MAE, consulul român la Milano a luat legătura cu autorităţile italiene. Potrivit sursei românca sechestrată este sub tutela procurorilor italieni care investighează cazul. Consulatul a luat legătura şi cu familia femeii, de altfel fiica acesteia fiind cea care a alertat carabinierii. Oficialul promite că MAE va acorda maximă atenţie acestui caz.
(A.I.)
Sursa: Gandul.

Lainate, badante rumena ridotta in schiavitu' da 75enne


Badante rumena ridotta in schiavitù dalla donna, una 75enne di Lainate, che avrebbe dovuto accudire. A scoprire la vicenda i carabinieri delle stazioni di Lainate e Milano Duomo dopo la segnalazione di alcuni conoscenti della donna, una 54enne, che da settimane non riuscivano a contattare. La donna aveva detto loro che avrebbe cominciato a lavorare come badante in un comune dell'hinterland milanese. Sono scattate le indagini degli uomini dell'Arma che sono risaliti, anche utilizzando tabulati telefonici, al possibile luogo dove la donna prestava servizio, un'abitazione nel Comune di Lainate, dove hanno scoperto le condizioni di schiavitù in cui era tenuta la donna, controllata anche con una telecamera a circuito chiuso. (omnimilano.it)
(23 maggio 2008)
Fonte: la Repubblica

Il presidente del Consiglio Tariceanu: "Far conoscere i romeni, cittadini per l'unione, il progresso, la solidarietà"


Roma 23 Maggio 2008
di Donatella Papi

"Vogliamo migliorare la conoscenza dei romeni in Italia, riaffermare i valori storici e culturali che ci uniscono e le difficoltà che ci vedono collaborativi per affrontare i problemi e prevenire le emergenze. Dobbiamo creare una rete di comunicazione e informazione degli stranieri in Italia che diventi una tribuna di dialogo per identificare le questioni, offrire soluzioni e risolverle".
A volere tutto questo è stato il presidente del Consiglio romeno, Calin Popescu Tariceanu, che in questi giorni è in contatto con le autorità italiane ed europee per affrontare le emergenze ma anche incidere nella comunicazione di un'Europa delle istituzioni unite. Per questo si svolgerà il primo Forum delle Comunità Romene in Italia a Milano il 24 e 25 maggio all'Hotel Melia (Via Massaccio).
Alla due giornati dei "romeni in Italia" è presente il Segretario di Stato Mihai Gheorghiu, oggi ricevuto a Milano dal Sindaco Letizia Moratti, il quale ha sottolineato la necessità di misure ferme per il controllo degli stranieri, ma ha anche indicato la necessità di affermare i valori delle identità, l'importanza degli scambi culturali e produttivi, l'affermazione della libera circolazione dei cittadini dentro i parametri europei. "Le discriminazioni vanno impedite e occorre ristabilire una corretta informazione", ha detto Gheorghiu.
L'incontro avviene all'indomani dell'introduzione delle nuove misure contenute nel pacchetto sicurezza, varato dal primo Consiglio dei Ministri presieduto dal premier Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio romeno, Calin Popescu Tariceanu, che ha avuto colloqui con il ministro degli Esteri Frattini e le istituzioni italiane, ha voluto riunire tutte le Associazioni e gli operatori romeni in Italia per fare il punto sui risultati positivi raggiunti dalla grande comunità presente nel nostro Paese: circa ottocentomila persone di cui la maggior parte molto ben inseriti, con contratti di lavoro stabili oltre ai ai tanti italiani, aziende e singoli, che stannno lavorando in Romania.
All'incontro prenderanno parte un rappresentante del Presidente della Romania Trainan Basescu, l'Ambasciatore di Romania in Italia, Răzvan Victor Rusu, l'Ambasciatore italiano in Romania, Daniele Mancini, il Console generale, Tiberiu Mugurel Dinu, i direttori generali dei principali dicasteri romeni: esteri, commercio, lavoro. Parteciperà anche il Segretario generale del Dipartimento per l'Infanzia.
Per le autorità italiane sono invitati il Sindaco di Milano Letizia Moratti, il Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi e il Questore Vincenzo Indolfi.
L'obiettivo dell'incontro è rappresentare la volontà del governo romeno nei confronti dell'Italia e dei partner d'Europa nell'impegno e collaborazione per fare dell'allargamento occasione di sviluppo e rafforzamento dei valori comuni e delle sicurezze comuni. Per questo l'incontro ha anche l'obiettivo di ascoltare la voce delle Associazioni raccogliendo le esperienze sin qui fatte e indicando una tabella di priorità: dalla formazione dei cittadini romeni come cittadini europei, al lavoro, alle eccellenze nei vari campi, alle soluzioni per arginare violenza e disparità. Si parlerà in particolare anche della questione dei Rrom offrendo una visione nuova di integrazione e regolamentazione.
Fonte: Comincialitalia.net

venerdì 23 maggio 2008

Il ladro di fettuccine


di Pierluigi Sullo
[21 Maggio 2008]
Un piccolo episodio mi ha colpito: due paesi dell’alto Lazio, il Tg3 regionale racconta di «ronde» notturne di cittadini «esasperati dai furti nelle case». I due paesi hanno poco più di 3 mila abitanti uno, poco più di mille l’altro. Allora, dato che mi capita di andarci e di pranzare con un abitante del luogo, elettore del centrosinistra, gli chiedo come mai. Lui mi racconta che ci sono stati alcuni episodi di furti: ad esempio, in una casa, di notte, mentre i proprietari dormivano al piano di sopra, qualcuno è entrato. E ha rubato?, chiedo. E lui: sì, ha aperto il frigorifero e ha mangiato le fettuccine avanzate dalla cena e un salume, e certo è fastidioso, aggiunge, che qualcuno ti entri in casa, ma probabilmente era solo – dice–«un romeno che aveva fame». E mentre racconta il cameriere del ristorante in cui siamo gli appoggia davanti il risotto alla marinara. Il cameriere è romeno, e il mio conoscente lo chiama per nome, con familiarità. Usciamo e l’uomo non trova le chiavi della macchina: ah, le lascio sempre nel quadro, dice sollevato. E si avvia a parlare con la titolare dell’agenzia immobiliare a cui ha affidato una casa da vendere. Lei è bulgara, ha sposato un moldavo che fa il muratore e hanno dei figli nati in Italia.
Cosa suggerisce, l’aneddoto? Ovviamente, che la «percezione» dei romeni è scissa dall’esperienza del rapporto con il cameriere romeno, l’agente immobiliare bulgara e il muratore moldavo. Lo è al punto che uno che considera il suo paese così «sicuro» da lasciare la macchina aperta con le chiavi dentro–gesto che sarebbe suicida a Roma–considera non demenziale che alcuni suoi concittadini passino la notte insonni alla caccia del ladro notturno di fettuccine fredde. La storia suggerisce, insomma, che la «sicurezza» è una entità che non ha gran che a che fare con la realtà della vita personale e sociale, ma ha molto a che fare con l’immaginario. Che a sua volta non è solo un frutto della malvagità dei media e dei politici che speculano sull’odio [anche, naturalmente], ma si forma fondamentalmente sulla base di quel che desideriamo che il mondo sia, e come ci figuriamo lo scarto tra il desiderio e quel che i nostri sensi, come abitanti e come telespettatori, ci trasmettono.
Ora, non sappiamo se il cameriere rumeno, l’agente immobiliare bulgara e il muratore moldavo, tanto familiari nell’orizzonte del mio conoscente da diventare invisibili in quanto stranieri, abbiano tutte le carte in regola. Immagino che quella persona non se lo chieda nemmeno, perché sono parte – positiva–delle sue normali relazioni sociali, ma di sicuro penserà che il ladro di fettuccine, inevitabilmente romeno [in passato sarebbe stato albanese o marocchino, e prima ancora calabrese], è di sicuro «clandestino». Anche se i romeni sono comunitari e dunque non possono esserlo. Perché il discrimine passa per un’altra via, precisamente quella per cui gli energumeni al governo fanno una differenza tra «clandestino» generico e «clandestina» badante o colf. Le seconde fanno parte delle normali e positive relazioni sociali dei benestanti, specialmente di destra, che consegnano bambini e anziani e case alle cure di badanti e colf, e che dunque non capirebbero perché persone così dovrebbero essere condannate a quattro anni di galera, ecc. Dalla parte del governo sembrerebbe una contraddizione insensata, ma in verità conferma l’immaginario sulla «sicurezza», che distingue tra chi è «utile», ed è conosciuto in quanto persona, e chi appartiene al mondo degli spaventapasseri. Provate a smontare questo congegno, se ne siete capaci.
Fonte: Carta.

VT: Centri ricreativi estivi


Il Centro Ricreativo Permanente "...MONDOPINOCCHIO!!!" nel periodo estivo organizza un servizio di animazione per i minori dai 3 anni agli 11 anni in età di scuola materna ed elementare dal lunedì al venerdì.
Visualizza il manifesto
Accedi alla sezione modulistica
Ufficio stampa Politiche sociali Città di Viterbo

S-a deschis sezonul la vânătoare de români?

de Cornel Toma (2008-05-23)

Afişul a apărut într-o fabrică de ... Pe fondul acutizării intoleranţei faţă de români, într-o fabrică de lângă Veneţia, a apărut la afişier un anunţ desprins parcă din ideologia nazistă.
Sub forma unui calendar cinegetic, este comunicată "deschiderea sezonului de vânătoare la: români, albanezi, kosovari, ţigani şi alte sălbăticiuni migratoare".
Autorul anunţului sugerează că doborârea "vânatului" se poate face cu arme de foc de orice tip, că nu există o limită cantitativă, iar unde prezenţa este numeroasă, se pot folosi grenade, mitraliere automate sau arme chimice şi câini.
Episodul s-a petrecut într-o fabrică de mobilă din Pieve di Soligo (la 50 de km nord de Veneţia) în care lucrează 15 români.
Secretarul general al sindicatului CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro) din Treviso, Paolino Barbiero, a denunţat carabinierilor cele întâmplate. Contactat de "Adevărul", sindicalistul ne-a mărturisit că printre străinii din fabrică domneşte acum tensiunea şi îngrijorarea.
"Episodul nu este unul singular, din păcate. Am fost informat că afişul a mai apărut şi în alte fabrici din zonă, însoţit de inscripţii de aceeaşi factură, pe ziduri", spune Barbiero.
Sursa: Adevarul.




Premio unione latina, vince lo scrittore romeno Dimitru Tepeneag

PREMIO UNIONE LATINA, VINCE LO SCRITTORE ROMENO DIMITRU TSEPENEAG
Affresco dell'emigrazione dei romeni assomiglia recente cronacapostato

"Au pays des Maramures" (1996-2001), vasto e tumultuoso affresco dell'emigrazione dei romeni verso l'occidente iniziata con la caduta del regime di Ceausescu: storie e personaggi che Dumitru Tsepeneag sembra trarre dalla più recente cronaca del nostro paese.
L'altra finalista della votazione - annuncia la giuria del Premio Unione Latina di Letterature Romanze - è la scrittrice spagnola Ana María Matute.
Promotori dell'importante iniziativa, oltre all'Unione Latina, sono l'Istituto Italo-Latino Americano, il ministero spagnolo della Cultura, il ministero portoghese della Cultura-Istituto Portoghese del Libro e delle Biblioteche, l'Ambasciata di Francia in Italia, l'Accademia Reale di Spagna a Roma, l'Istituto Cervantes di Roma, l'Istituto Culturale Rumeno di Bucarest, le librerie Bibli e Feltrinelli, il Caffè Letterario, Nessuno TV, l'Università La Sapienza, i licei Sacro Cuore Trinità dei Monti, Chateaubriand e Virgilio.
Fonte: Alice Notizie.

Românii vor fi expulzaţi dacă nu se înscriu la Evidenţa populaţiei


GUVERN Prima şedinţă a executivului italian

de Ana Maria MERTICARU, Adrian NICULAE
22 MAI 2008
Imigraţia ilegală pedepsită cu puşcărie
Orice imigrant condamnat la doi sau mai mulţi ani de închisoare – automat expulzat

„Berlusconi santo subito“ (n.r. sanctificat imediat) dacă elimină gunoaiele şi infractorii, scria ieri pe un poster uriaş amplasat la Napoli, unde proaspătul guvern italian a organizat prima sa şedinţă. În ceea ce priveşte securitatea, infracţiunile comise în ultimele săptămâni de imigranţii români de etnie romă au oferit suficient material electoral pentru alianţa de dreapta condusă de Berlusconi. Il Cavaliere nu a ales întâmplător Napoli pentru prima şedinţă de guvern: pe de o parte, oraşul se află în plină criză a gunoaielor, pe de cealaltă aici se află şi taberele de romi incediate săptămâna trecută, la ordinul mafiei, după ce o româncă de etnie romă în vârstă de 16 ani a încercat să fure o fetiţă de şase luni.
De la Napoli, Berlusconi a bifat mai multe puncte de pe agenda de lucru: a anunţat numirea unui secretar de stat delegat, cu unica misiune de a rezolva problema gunoaielor, vrea să simplifice procedura pentru construirea de incineratoare şi să trimită echipe de medici care să supravegheze situaţia sanitară.

Tot ieri s-a decis că infracţiunea de imigraţie ilegală va fi introdusă în Codul Penal prin proiect de lege, intrarea ilegală pe teritoriul ţării urmând să fie pedepsită cu închisoare de la şase luni până la patru ani, potrivit prevederilor Pachetului privind siguranţa publică, dezbătut de Consiliul de Miniştri. Măsurile vor intra în vigoare abia după ce vor fi aprobate de parlament, cel mai probabil până în luna iulie. Noile măsuri prevăd simplificarea procedurilor de expulzare a străinilor, situaţie în care puterea de decizie aparţine prefecţilor marilor oraşe. Astfel, un imigrant care este condamnat la doi sau mai mulţi ani de închisoare este automat expulzat din Italia. În pericol sunt şi străinii care nu comit infracţiuni, dar care nu au acte în regulă sau care nu pot dovedi că au un salariu minim lunar, cu care să se întreţină. Deşi e extrem de controversată, guvernul italian nu vrea să renunţe la această prevedere pentru că aceasta este singura modalitate de a putea desfiinţa taberele de romi ridicate la periferiile oraşelor.
„Vor fi controale de rutină pe stradă“
Paolo Sartori, ofiţerul de legătură al Ministerului de Interne Italian pentru România şi Republica Moldova, ne-a declarat, la câteva minute după adoptarea măsurilor, că măsura nu este în niciun caz un pachet antiromâni. Cea mai importantă modificare legislativă este introducerea aşa-numitei „evacuări pentru motive imperative de siguranţă publică”, măsură ce va putea fi folosită împotriva oricărei persoane care nu se înregistrează la Evidenţa populaţiei după o şedere de trei luni în Italia. Practic, Sartori susţine că “nu vom face mai mult decât fac nemţii sau francezii, vor fi controale de rutină pe stradă, iar persoanele care nu respectă legea referitoare la înregistrarea la Evidenţa populaţiei vor fi expulzate”.
Cât despre românii deja aflaţi în Italia, Paolo Sartori ne-a declarat că “nu au fost încă elaborate normele de aplicare, dar, ca părere personală, nu cred că se poate aplica retroactiv. Va exista probabil posibilitatea de înscriere pentru cei aflaţi deja în Italia“. În schimb, oficialul italian afirmă că vor exista operaţiuni speciale în cadrul cărora vor fi vizate, ca şi până acum, taberele de romi situate la periferia marilor oraşe italiene, iar persoanele care nu respectă noua legislaţie vor fi evacuate din Peninsulă.
Sursa: Gandul.

Munzi porta al Festival la questione romena


Cannes, è il giorno del Che di Soderbergh
CANNES (21 maggio) - Ressa di celebrità sulla Croisette per l'attesa prima mondiale del film di Steven Soderbergh, tutto in spagnolo, dedicato alla vita di Ernesto Che Guevara. In sala anchne Maradona, con le figlie Dalma e Giannina, il regista serbo Emir Kusturica, l'ex pugile Mike Tyson, e la modella Naomi Campbell. La giuria del festival sarà presente al completo a partire dal suo presidente Sean Penn. In sala ovviamente il protagonista Benicio Del Toro. Di fronte al Palazzo del Cinema è intanto apparso un grande striscione con la più celebre immagine di Guevara.
Munzi. Il problema della convivenza a volte difficile tra italiani e romeni arriva anche a Cannes in un film che, parola del regista Francesco Munzi, «non è nato politico ma lo sta diventando perché molti fatti di cronaca hanno sollevato la questione romena proprio mentre lo stavamo girando». Nella giornata che la kermesse cinematografica francese dedica all'America Latina Festival, nella Quinzaine Des Realizateur è stato presentato Il resto della notte di Francesco Munzi, l'unico film italiano di questa sezione.
La trama. La pellicola, che in Italia uscirà l'11 giugno distribuita da 01, racconta il disagio della convivenza tra culture diverse, la diffidenza razziale che scuote l'Italia di oggi, la convivenza a volte problematica tra i due popoli. «Il resto della notte è un viaggio attraverso il Paese e le sue classi sociali, la borghesia, il proletariato e i romeni - spiega Munzi - Forse ultimamente si sono alzati troppo i toni sull'immigrazione e questa è solo demagogia. Gli immigrati sono una risorsa enorme e necessaria e ci vorrebbe un sistema legislativo più giusto per loro. Un esempio su tutti, - prosegue il regista - non è possibile pensare che devono entrare nel Paese già con un lavoro». Nel film due romeni e un italiano rapinano una villa del Nord Est e alla fine si scoprirà che la mite cameriera romena Maria si è macchiata di quel furto di cui l'avevano accusata. Quel furto, però, spiega il regista, «è solo un crimine innocente, ruba ma solo perchè le piacciono quegli orecchini».
In Il resto della notte Sandra Ceccarelli è Silvana Boarin, moglie di un industriale di provincia che si convince che Maria, giovane cameriera rumena, abbia rubato due orecchini. La ragazza è subito licenziata contro il volere del marito e della figlia di Silvana che con Maria aveva istaurato un buon rapporto. La giovane romena è costretta a tornare nella squallida abitazione dell’ex fidanzato Ionut, da poco uscito di galera, e di suo fratello Victor. Ionut a sua volta frequenta Marco Rancalli, giovane cocainomane con piccoli precedenti. La disperazione porterà i tre (Ionut, Victor e Marco) ad architettare una rapina, proprio nella villa dei Boarin.
I protagonisti. Personaggio principale di Il resto della notte è Laura Vasiliu, attrice di origine romena protagonista di 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, palma d'oro a Cannes l'anno scorso. Nel film di Munzi Laura interpreta Maria, la donna di servizio proveniente dalla Romania accusata di aver rubato degli orecchini. «Quando Munzi mi ha chiamato e mi ha parlato del personaggio - ha raccontato l'attrice - mi sono detta: ma è un personaggio senza moralità. Dovevo rubare. E io non voglio fare la romena cattiva». Proprio per una «romena cattiva» l'attrice è stata scambiata durante le riprese del film. Nell'autunno del 2007 durante le riprese a Torino Laura era stata scambiata dai Carabinieri per una trafficante di minori con lo stesso nome. I militari, che avevano una fotografia della ricercata, arrivarono di notte nell'albergo dove l'attrice alloggiava e si fecero accompagnare nella sua stanza per arrestarla. Ricordando questa vicenda, l'attrice ha detto: «E' stato solo un incidente, mi hanno scambiata per un'altra persona. Gli italiani sono meravigliosi, non capisco proprio questo problema con noi romeni». Oltre a Laura Vasiliu e a Sandra Ceccarelli, nel cast di Il resto della vita ci sono anche Valentina Cervi, Aurélien Recoing e Victor Cosma.
Il regista. Già in Saimir, il suo precedente lavoro, Munzi aveva descritto l’universo di un giovane immigrato albanese. «Non ho mai pensato di stigmatizzare i miei rumeni attraverso il furto della collana da parte del personaggio della Vasiliu - ha spiegato a proposito delle scelte operate nel film - e infatti all'inizio il furto non era nella sceneggiatura, l'ho inserito dopo per ragioni drammaturgiche. Ma per il modo in cui è descritta la sua azione - ha aggiunto - non mi sento di averla rappresentata come una criminale. Ogni personaggio ha la sua rotondità, è sfumato e questo è ciò che tengo a precisare di più:non ci sono nè edulcorazioni nè condanne». Spielberg e Sarkozy.
Il regista americano Steven Spielberg ha ricevuto all'Eliseo dal presidente Nicolas Sarkozy le insegne di Ufficiale della Legione d' Onore, la più alta onorificenza attribuita dalla Repubblica francese. Dopo il trionfo di critica e pubblico per il suo Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, presentato domenica scorsa a Cannes fuori concorso, il regista è volato a Parigi dove ha avuto un incontro privato con il presidente Sarkozy. «Questo riconoscimento - ha spiegato l'Eliseo in un comunicato - è stato conferito per l'insieme delle opere realizzate dal regista e per il suo impegno al servizio di grandi cause come la memoria della Shoah e il conflitto nel Darfour».
Fonte: Il Messaggero.

mercoledì 21 maggio 2008

Peste 1,8 milioane de români sărbătoresc onomastica astăzi, de Sfinţii Constantin şi Elena

Aproape 1,2 milioane de bărbaţi şi 660.000 de femei poartă nume precum Costel, Ileana, Lenuţa sau Constanţa.
Tot astăzi, credincioşii mai pot vedea pe Dealul Patriarhiei Moaştele Sfinţilor Constantin şi Elena, alături de cele ale Marelui Mucenic Dimitrie cel Nou.
Acestea au fost aduse ieri în procesiune la Catedrala Patriarhală pentru serbarea hramului bisericii. Moaştele Sfinţilor vor fi duse în procesiune şi reaşezate în paraclisul patriarhal Sfântul Spiridon Nou, unde vor rămâne până la încheierea lucrărilor de consolidare, renovare şi restaurare de la Catedrala Patriarhală.
Sursa: Realitatea TV

Sfintii Imparati Constantin si Elena
Biserica Ortodoxa ii praznuieste astazi, 21 mai, pe Sfintii Imparati Constantin si mama sa, Elena. Constantin cel Mare, imparat roman (306-337), a devenit suveran al intregului Imperiu Roman dupa invingerea lui Maxentiu si a lui Liciniu. In ziua premergatoare luptei cu Maxentiu, in anul 312, Constantin a vazut pe cer o cruce luminoasa si o inscriptie: In hoc signum vinces (prin acest semn vei birui). Imparatul va insemna toate steagurile armatei sale cu semnul sfintei cruci si va intra biruitor in Roma. Prin Edictul de la Milano (313) a acordat libertatea de cult a crestinismului.
Sursa: CrestinOrtodox.ro

"La multi ani" celor care poarta numele Sfintilor Constantin si Elena!

Eliminarea lui Hagi din meciul cu Italia din 2000, printre cele mai urâte amintiri din istoria CE


Marti, 20 Mai 2008 20:07

Eliminarea lui Gheorghe Hagi din meciul cu Italia, din sferturile de finală al EURO 2000, pierdut de România, scor 0-2, este considerată una dintre cele mai urâte amintiri din istoria Campionatului European de fotbal, relatează AFP. Foto (1)
Vezi Galerie Articol
"Hagi a ieşit pe uşa din dos. La 24 iunie 2000, în sferturile de finală, Maradona din Carpaţi a adus un deserviciu echipei României (care a pierdut cu 0-2 meciul cu Italia), încasând cel de-al doilea cartonaş galben după un cumul de gesturi nesportive, având la bază proteste, simulari şi provocări. Hagi a reclamat atunci neacordarea unui penalty, acuzându-l pe Gianluca Zambrotta că l-a faultat în careu. Acesta a fost ultimul mare turneu al lui. Trebuie amintit că Hagi nu a lăsat în urma sa doar driblinguri de neuitat", notează AFP.

Vezi eliminarea lui Hagi şi rezumatul partidei Italia - România 2-0, de la EURO 2000



Celelalte gesturi urâte de la ediţiile trecute ale Campionatului European, evocate de agenţia franceză: disputa dintre Basile Boli şi Stuart Pearce, din meciul Franţa-Anglia de la EURO 1992, provocările rasiste ale lui Hristo Stoicikov la adresa lui Marcel Desailly, în jocul Bulgaria-Franţa, de la EURO 1996, bătaia dintre jucătorii germani şi croaţi din sferturile de finală ale EURO 1996, eliminarea lui Mateja Kezman după numai 44 de secunde de la intrarea pe teren în meciul Iugoslavia-Norvegia, din 2000, sau gestul italianului Francesco Totti, care l-a scuipat pe danezul Christian Poulsen, în 2004.
Sursa: NewsIn

Austria va reintroduce controalele la frontiere între 2 iunie şi 1 iulie 2008


Marti, 20 Mai 2008

Austria va reintroduce controalele la toate frontierele interne. Măsura va fi aplicată în perioada 2 iunie - 1 iulie 2008 pentru a se asigura securitatea în timpul Campionatului European de Fotbal, care se va desfăşura în Austria şi Elveţia.

Potrivit autorităţilor de la Bucureşti, această decizie nu va afecta călătoriile românilor care se vor deplasa în Spaţiul Schengen si, implicit, pe teritoriul Austriei. Poliţia recomandă cetăţenilor români să respecte cu stricteţe legislaţia statelor în care se deplasează pentru a evita producerea oricăror probleme.
Sursa: Realitatea TV

Introducerea paşapoartelor electronice, amânată cu şase luni


Termenul de introducere a paşapoartelor electronice a fost prelungit din nou, cu şase luni, de la 1 iulie la 31 decembrie 2008. Aceasta este a patra amânare, deşi Comisia Europeană a transmis, încă din 2007, un avertisment României pentru nerespectarea prevederilor comunitare privind documentele de călătorie. Licitaţia pentru selectarea firmei producătoare trebuie reluată, după ce contestaţiile depuse de firmele care au participat la licitaţiile anterioare au fost respinse.
Data stabilită iniţial pentru punerea în circulaţie a paşapoartelor electronice a fost 1 ianuarie 2007, iar termenele ulterioare au fost 1 septembrie 2007, 1 ianuarie 2008 şi 1 iulie 2008. Titulatura de "paşaport electronic" este dată paşaportului care permite stocarea electronică a datelor biometrice ale titularului, precum amprenta digitală şi imaginea facială.
Antena3.ro
Adăugat: 21 mai 2008

29 de cetăţeni români de etnie romă au dat în judecată autorităţile din Milano

Marti, 20 Mai 2008

29 de cetăţeni români de etnie romă au dat în judecată autorităţile din Milano, cărora le cer daune, după ce în septembrie mai multe tabere de nomazi din oraş au fost evacuate.

Potrivit cotidianului Il Messagero, romii susţin că demolarea taberelor a fost echivalentă cu ''o mică deportare''. Avocaţii acestora acuză autorităţile din Milano că au încălcat drepturile clienţilor lor şi au făcut declaraţii rasiste. Mai mult, ei spun că oficialii au divizat familiile de romi, oferind numai femeilor şi copiilor adăpost.
Problema discriminării romilor în Italia a fost pusă în discuţie marţi şi la Parlamentul European. Un eurodeputat maghiar de etnie romă s-a arătat îngrozit de condiţiile în care trăiesc nomazii în Italia. La rândul său comisarul pentru drepturile omului din Consiliul Europei a trimis guvernului de la Roma o scrisoare în care cere lămuriri privind măsurile pentru imigranţi din pachetul de legi ale siguranţei.
Sursa: Realitatea TV